Gelmini: «Di Maio disastroso, sul lavoro sta facendo imbufalire tutti»

martedì 14 agosto 12:06 - di Fabio Marinangeli

«A pochi giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del suo provvedimento sul lavoro, il ministro Di Maio scopre (da un coro di imprenditori e stakeholder imbufaliti) che le sue misure sono insufficienti (per usare un eufemismo) a contrastare gli effetti negativi sull’occupazione della delocalizzazione delle imprese. All’errore marchiano preferisce però aggiungere la perseveranza di ricette sbagliate, come la reintroduzione della cassa integrazione anche nel caso della cessazione di attività aziendale, che avranno solo l’effetto di aumentare il perimetro della disoccupazione di lavoratori vittime di casi di delocalizzazioni non sanzionabili di imprese sane». Lo scrive Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, in un intervento pubblicato da Il Giorno. «Una visione miope e distorta. Una logica sbagliata con la quale affrontare le sfide future. Una cosa – condivisa dai più – è sostenere i lavoratori che perdono il posto nei casi di fuga delle imprese senza ragioni economiche, anche con indennità di sostegno al reddito di carattere straordinario, purché siano accompagnate da interventi di politica attiva per aiutarli a ritrovare il lavoro nel più breve tempo possibile. Altra è pagare le decisioni degli imprenditori peggiori con risorse pubbliche, anziché usarle per incentivare l’occupazione», sottolinea l’esponente azzurra. «E qui sarebbe utile introdurre una riflessione sulla cultura assistenzialista dell’attuale governo che rischia di impoverire la cassaforte degli italiani, Cassa depositi e prestiti, per finanziare carrozzoni falliti da tempo», dice ancora la capogruppo di Fi.
La Gelmini aggiunge: «Non occorre però aspettare la riforma dei Centri per l’Impiego – promessa più volte da Di Maio come primo passo per l’introduzione del famigerato reddito di cittadinanza – per adottare sistemi efficaci di politiche attive: basta guardare quei sistemi regionali che sono riusciti efficacemente a costruirli grazie ad un virtuoso raccordo tra i servizi pubblici all’impegno e gli operatori privati autorizzati ed accreditati. In questo quadro penso anche alla Lombardia, dove una maggioranza di centrodestra coesa e determinata, sta facendo un ottimo lavoro da anni. In ogni caso, al mercato del lavoro servono proposte serie e non una boutade estiva, giusto per ‘vedere l’effetto che fa. Condividiamo dunque il grido di dolore di Confindustria e ci candidiamo, come Forza Italia, a dar voce, nei territori e in Parlamento, al Paese che produce, che lavora, che vuole creare ricchezza, che cerca occasioni di sviluppo e che giudica la reintroduzione di nuove rigidità come il male assoluto da combattere per evitare un pericoloso e misero ritorno al passato», conclude la presidente dei deputati forzisti.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • enrico 16 agosto 2018

    certo che ministro del lavoro uno che non ha mai fatto un c…o,sai che risultato?

  • Alessandra Botta 15 agosto 2018

    Basta criticare lasciateli lavorare in pace, proprio voi che non avete fatto nulla per gli italiani. Vergognatevi a parlare

  • no euro 15 agosto 2018

    CROLLA, COLLASSA il sistema ITALIA, Statalista, e la Gelmini non se ne accorge.

  • Pietro 15 agosto 2018

    Molto corretto non dire ma urlare: Lavorate!! Per quale motivo non si pubblicano i curriculum relativi
    al lavoro (che troppi non sanno cosa è) di molti nostri ministri?

  • angelo 15 agosto 2018

    la gelmini dovrebbe semplicemente tacere.l’elettorato ha bocciato con evidenza il partito FI ,ha bocciato Berlusconi che ha semplicemente voglia di potere.Cosa avete fatto negli anni del vostro governo? non avete fatto altro che aumentare il precariato ed il potere dei grossi gruppi commerciali ed industriali, Che abbia pudore nel giudicare un governo che opera da appena 4 mesi. Il danno procurato dalla minostra Gelmini e dai propri colleghi è stato inimmaginabile.Chi vive di vero lavoro può considerare ciò che questo governo si promette di fare. ON gelmini lei che parl di chi non sa cosa cosa significhi lavoro che lavoro ha fatto leri che appena laureata in legge presso l’università calabrese, pur essendo residente in provincia di Brescia, è stata messa in lsta in forza italia ed ha iniziato ad eseguire gli ordini impartiti da Berlusconi abbassando il capo come la pecora che cerca il cibo al pascolo. ON.LE MELONI la sua coalizione con il berlusca è più negativa che positiva.Si ravveda prima che anche FDI ,di cui sono simpatizzante, finisca come il nostro glorioso MSI affondato da Fini con tutti i suoi cambiamenti. La destra si fonda su valori prettamente patriottici e tale deve restare.Rifletta

  • stefano 15 agosto 2018

    forza italia datevi una calmata il governo stà lavorando bene e ci vuole tempo per sistemare i casini fatti negli anni scorsi fate lavorare

  • puligiac 15 agosto 2018

    Parla, anzi….. sparla proprio quella che ha distrutto la buona scuola!!! ma ci vuole coraggio e tanta faccia tosta…… V E R G O G N AAAAAAAA!!!!!!!!!!!!!!

  • Enrico 15 agosto 2018

    Un idraulico che non ha mai visto un rubinetto, un cuoco che non ha mai cotto due uova al tegamino, un dentista che non ha mai curato una carie, un autista che non ha mai preso la patente. Con tutta la buona volontà, vorrei che facessero le loro cose da un’altra parte e non a spese mie.

  • Claudio 15 agosto 2018

    Non son esperto di economia e forse questo governo può commettere degli errori, credo personalmente però in buonafede. Al contrario di chi lo critica oggi, buonafede che manca completamente e la cui veemenza eguaglia a quella del PD. Da parte degli adepti del cavaliere, che poi sono sempre gli stressi, ed in particolare modo proprio dalla Gelmini, più che critiche vedo estaernazione di vero rancore, aveva ragione AndreottI: il potere logora chi non ce l’ha….

    • Renata Bortolozzi 15 agosto 2018

      Parole condivise dalla prima all’ ultima. Non capisco nulla di economia, ma ho imparato che un Ministro non scrive una legge da solo al tavolino e che ha uno staff di esperti che dovrebbero lavorare in accordo con lui: come potrebbe altrimenti la ex ministra Fedeli aver incolpato il suo staff per gli errori grammaticali + altro che comparivano nelle sue lettere pubbliche?

  • giuseppe imbimbo 15 agosto 2018

    Lei ha disastrato la scuola Italiana, i suoi colleghi di Partito fatta una politica contro commercianti, artigiani e Popolo, con il vostro appoggio al governo Monti distrutto il ceto medio ed affamato i meno abbienti, avete rieletto Napolitano con i vostri voti e venite a parlare di un governo in carica da due mesi , di un decreto che cerca di de-schiavizzare i lavoratori …….Mettitivi squorno (abbiate vergogna) !! Non avete capito ancora nella vostra presunzione, nella caparbietà boriosa di Berlusconi che noi POPOLO Italiano non siamo più disposti a supportarvi . Decidiamo noi della nostra vita e del nostro futuro .Non potremo certamente fare peggio di Voi e dei benestanti con il lavoro degli altri del PD.

  • Gabriele Pellegrini 15 agosto 2018

    …pienamente d’accordo; come può chi non conosce il mondo del lavoro risolverne i problemi?

  • Gran Turco 15 agosto 2018

    QUESTA FANCIULLA (RAFFINATA SPECIALISTA NEL CAMPO DEI NEUTRINI) FORSE NON RICORDA CHE QUANDO LEI CON I SUI ACCOLITI ERA A GOVERNO L’ITALIA ERA GIUNTA
    SULL’ORLO DEL BARATRO???!!!

  • Angela 15 agosto 2018

    Ogni giorno FI ha da ridire,o con Gasparri,o con Tajani o con Gelmini …E BASTA!!!…fatelo lavorare questo governo!lo criticano proprio coloro che nulla hanno fatto in tutti questi anni.