Trump e Merkel si incontrano e “scoppia” la pace: «Abbiamo relazioni molto buone»

mercoledì 11 luglio 18:52 - DI Eugenio Battisti

Scoppia l’amore tra Donald Trump e Angela Merkel. È stato un «grande incontro», a detta di entrambi, quello che si è svolto tra il presidente Usa e la cancelliera tedesca a Bruxelles nel corso del vertice Nato. Un faccia a faccia “chiarificatore” e cordiale che arriva poche ore dopo le polemiche a distanza tra la Casa Bianca e Berlino sull’accordo con Mosca per lo sviluppo del gasdotto Nordstream («La Germania è totalmente controllata dalla Russia: avranno dal 60 al 70% dell’energia dalla Russia con un nuovo gasdotto», aveva tuonato Trump).

Trump e Merkel diventano “alleati”

«Sono molto lieta: abbiamo avuto l’opportunità di avere uno scambio sugli sviluppi economici e su altre materie come le migrazioni e il futuro delle nostre relazioni commerciali. Penso che sia molto importante avere questi scambi, perché siamo partner, ottimi partner e desideriamo continuare a cooperare in futuro», ha detto la cancelliera tedesca al termine dell’incontro con Trump. A sua volta il presidente americano, davanti alla stampa, ha assicurato di avere “relazioni molto buone” con la Merkel: «Abbiamo un rapporto fantastico con la Germania. Hanno avuto un enorme successo e mi sono congratulato». «Abbiamo discusso di spese militari e commercio», ha detto  poche ore dopo aver accusato Berlino di “arricchire la Russia” con i suoi acquisti di gas e di non contribuire a sufficienza alle spese dell’Alleanza. «Credo che il nostro commercio aumenterà e molte altre cose aumenteranno, vedremo cosa succederà», ha aggiunto il presidente Usa. «Gli alleati della Nato spenderanno di più. Ho grande fiducia che spenderanno di più», ha risposto ancora Trump alla domanda di un cronista che gli ha chiesto che cosa succederà se gli alleati europei non aumenteranno le spese per la difesa. Secondo alcune fonti, Trump aveva chiesto addirittura di elevare il tetto per le spese militari dei Paesi Nato al 4% del Pil, ma si sarebbe strategicamente “accontentato” del 2% già stabilito (e non ancora raggiunto da diversi Paesi). Dal canto suo la Merkel ha sottolineato che gli argomenti sul tavolo sono stati molti e tra i dossier affrontati c’è anche quello della immigrazione.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • max.bialystock@libero.it 12 luglio 2018

    mmm
    non credo che duri, hanno interessi contrapposti, a meno che la Merkel (non si dovrebbe dire in questo modo ma è chiarissimo) non si sia calata le braghe con Trump.
    Gli usa sono un paese debitore (il maggiore) la germania creditore (il maggiore) quindi…
    L’italia può avere un ruolo essenziale per avvicinare Trump e Putin, gli unici che hanno le idee chiare nel mondo.