Tragedia a Sperlonga: muore una 13enne nella piscina dell’hotel

Non ce l’ha fatta la ragazza di 13 anni di Frosinone che è stata aspirata dal bocchettone della piscina al Virgilio Grand Hotel di Sperlonga. Morire in questo modo assurdo durante una vacanza chissà da qunto tempo attesa da tutta la famiglia è un cazzotto nello stomaco. E’ stato inutile il tentativo di un turista americano di salvarla perché, mentre l’uomo cercava con tutte le forze di tirarla a sé, la giovanissima aveva già bevuto tantissima acqua. la ricostruzione è del Messaggero. «Nonostante la tempestività della macchina dei soccorsi e la successiva rianimazione intentata dai sanitari, la 13enne è deceduta poche ore dopo essere stata elitrasportata al policlinico “Gemelli” di Roma nella notte. Un episodio assurdo, doloroso.

L’inchiesta

Quella che doveva essere una piacevole vacanza nel cuore della rinomata perla del Tirreno, si è incredibilmente trasformata in tragedia. Assurda la vicenda, sulla quale indagano i Carabinieri della locale stazione, che devono accertare se a contribuire al fatto, abbia concorso un eventuale malfunzionamento al sistema delle pompe della piscina dell’albergo. Piscina e annesso sistema meccanico e vano pompe rimangono sotto sequestro in attesa che possa essere fatto luce su quanto accaduto.