Sequestra madre e figlio in un parco di Rimini. Arrestato un extracomunitario

Una vera e propria notte da incubo che ha visto come protagonisti una madre e un figlio, salvati dall’intervento della polizia. E’ successo a Rimini, la notte scorsa, verso le 2 e mezza del mattino, quando la sala operativa della Questura di Rimini ha ricevuto una chiamata al numero di emergenza. A telefonare è stato un ragazzo, in forte stato di agitazione, che ha riferito di essere stato sequestrato e rapinato da un uomo che in quel momento stava minacciando anche sua madre, bloccata all’interno del parco XXV Aprile. Immediatamente giunti sul posto, nei pressi del parcheggio Tiberio, gli agenti sono stati avvicinati dal ragazzo, che ha confermato loro che all’interno del parco c’era sua madre, trattenuta da un uomo violento, sotto la minaccia di una pistola. Gli agenti, quindi, si sono avvicinati in maniera discreta, aiutati dall’oscurità, e hanno individuato il soggetto, un 27enne extracomunitario. Dopo averlo bloccato a terra e sottoposto a perquisizione, tuttavia, gli agenti non hanno trovato nessuna arma. Messa in sicurezza la scena del crimine, quindi, la polizia ha ricostruito la vera dinamica dei fatti: i due, madre e figlio, in Italia da circa un mese e privi del denaro necessario a pagare una camera d’albergo, erano soliti dormire nei parchi pubblici. Ieri sera, quindi, i due avevano scelto un’area verde del parco XXV Aprile.

 
Poco dopo la mezzanotte, tuttavia, il ragazzo si è allontanato verso piazzale Cesare Battisti…

Per continuare a leggere l'articolo Abbonati o Accedi