Saviano la spara grossa per dire che ai migranti le manette non vanno mai messe

“Nessun ammutinamento sulla Vos Thalassa. Una montatura, oro che cola per il Ministro della Mala Vita @matteosalvinimi che si sarà forse chiesto quanto poteva salire nei sondaggi se invece dei suoi selfie avesse postato foto di migranti in manette. I senza scrupoli non vincono sempre”. Con un tweet Roberto Saviano attacca nuovamente il titolare del Viminale di cui posta una foto mentre si fa un selfie. Il riferimento dello scrittore è all’ammutinamento che si sarebbe verificato a bordo della Vos Thalassa domenica perché i profughi salvati in acque libiche temevano di essere consegnati alla guardia costiera libica.

Ma nella sua foga anti-Salvini Saviano sbaglia bersaglio perché a parlare di una situazione di pericolo a bordo dell’incrociatore italiano Vos Thalassa era stato il ministro dei Trasporto Toninelli, in un tweet del 10 luglio: “Orgoglioso della Guardia Costiera  italiana che con nave Diciotti ha preso a bordo 60 migranti che stavano mettendo in pericolo di vita l’equipaggio dell’incrociatore italiano Vos Thalassa. Ora avanti con indagini per punire facinorosi”.

Ora la vicenda è stata ridimensionata dalla testimonianza di Cristiano Vattuone, portavoce della Vroon, la società olandese proprietaria della nave che lavora nel servizio di sorveglianza di una piattaforma petrolifera Tot, per il quale a bordo non ci sarebbe stata nessuna insurrezione. La Procura di Trapani è al lavoro per stabilire cosa sia veramente accaduto, e intanto Saviano ha già tirato le somme.

schermata-2018-07-13-alle-11-30-23