Saviano, armatevi e partite. «Io sulle barche dei migranti? No, non è compito mio»

mercoledì 11 luglio 14:30 - di Redazione

L’idea l’aveva lanciata uno scrittore di sinistra sempre in prima fila nelle battaglie ideologiche contro Salvini e la destra, Sandro Veronesi, che al grido di maglietta rossa, come tanti altri intellettuali col rolex al polso, aveva proposto di salire a bordo delle navi onlus che recuperano i migranti, in segno di solidarietà. Ma a quanto pare, dalle chiacchiere ai fatti, i suoi colleghi intellettuali di sinistra non passeranno. A cominciare da Roberto Saviano, che in una lettera a Repubblica risponde picche aVeronesi. Con motivazioni abbastanza risibili. “La vera rivoluzione oggi è essere moltiplicatore di empatia, qualunque sia il tuo ambito perché nel piccolo spazio di terra che ciascuno di noi occupa può fare tantissimo”.

Dunque, non si salpa con i migranti: perché? «Dobbiamo chiamare a una insurrezione civile e democratica contro questa barbarie fondata sulla menzogna sistematica, ma non esiste un gesto unico. Ciascuno di noi, facendo il proprio lavoro con onestà, vivendo e trattando il prossimo con onestà, avrà fatto la sua parte. Qualche mese fa Diego Bianchi è stato sull’Aquarius restituendoci un servizio che vale la pena vedere per capire la “normalità” del lavoro delle Ong. Ieri Repubblica ha raccontato la frustrazione dei volontari, ora fermi a Marsiglia. Mi piace il tuo invito a portare corpi resi riconoscibili dalla fama sulle imbarcazioni che salvano vite umane, ma mi tradiscono le mie origini. Sono nato a Napoli e cresciuto in una terra che un tempo era chiamata Terra di lavoro. Una definizione che mi ha sempre inorgoglito, che mi ha fatto sentire fiero di essere cresciuto a Caserta. Il lavoro è quello dei cooperanti sulle navi nel Mediterraneo, il lavoro è il nostro che ne scriviamo, il lavoro è del giornalista che informa in maniera corretta…».Per la serie, vai avanti tu che a me mi vien da scrivere….

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe Forconi 12 luglio 2018

    Quel musulmano di saviano non dovrebbe stare in Africa o sbaglio? E’ a New York ? Se lo sa Trump lo caccia dall’America.

  • Mariastella Alessi 12 luglio 2018

    Esatto tutti questi presunti buonisti… parlano ma non fanno fatti… tutti voi che state bene nessuno che si è preso un migrante in casa… vergogna… inoltre se li volete davvero aiutare trasferitevi in africa e fate i volontari… altrimenti state zitti… vigliacchi

  • leonardo 12 luglio 2018

    ma basta con questo Saviano ma chiè?. basta non riportate piu niete di queto essere egoista. che pensa soltanto al suo conto bancario. Saviano vai a romperti la schine in un cantiere edile o a zappare la terra dopo la smetterai di fare il bullo.

  • Francoilfranco 11 luglio 2018

    Ddella serie io faccio l’opinionista e scrivo quello che mi va…per il resto non mi impiccio!!!
    Grande m***** radical chic…anzi radical shit!

  • Gio 11 luglio 2018

    qualcuno riesce a capire cosa stia dicendo ? Possibile che certi personaggi abbiano fatto fortuna sul nulla ? Forse sarebbe ora di non dargli più spazio e importanza, almeno su testate di buon senso come questa. In fondo questi nullisti vivono solo di apparenza, meglio ignorarli allora.

  • Francone 11 luglio 2018

    Emulare la spedizione dei 1000 garibaldini liberatori (camicie rosse) e’ per voi fondamentale .
    Adesso tocca a voi 1000 (tutti) magliette rosse imbarcarvi a Marsala e toccar terra in Libia .
    Da li’ potete cominciare a liberare tutta l’africa (vostra terra) dalla fame, poverta’ e guerre .
    Passerete sicuramente alla storia (dell’africa) con tanto di mausoleo (grande onore) .
    Con boldrini,kienge,balotelli,saviano in testa alla spedizione la nave ve la fornisce gratis SALVINI .