Salvini: «Andrò ai mondiali a gufare Francia e se incontro Macron me ne vado in curva» (video)

venerdì 13 luglio 16:53 - di Stefano Amici

Andrà alla finale dei Mondiali domenica ma non ha intenzione di rovinarsi la serata. E naturalmente tiferà Croazia. «Guferò la Francia», ha detto Matteo Salvini alla festa della Lega di Barzago confermando la sua trasferta a Mosca. Nel profluvio di dichiarazioni quotidiane, stempera il pesante clima politico con un diversivo calcistico che è un’altra bonaria provocazione. «Di vedere Macron che saltella proprio non ho voglia. Oggi ho fatto la foto con il ministro della Croazia che aveva la maglietta, sperem», ha confessato ai suoi. E se dovesse incontrare sugli spalti dello stadio il presidente francese, Emmanuel Macron, se ne andrà. «Guardi, piuttosto mi alzo e me ne vado in curva», risponde il ministro dell’Interno a chi lo stuzzica. Dopo lo scontro all’arma bianca con l’Eliseo e gli attacchi di monsieur le president contro i populisti italiani sul terreno scivoloso dell’accoglienza, Salvini tiene il punto. Naturalmente l’incontro occasionale tra i due è tutt’altro che impossibile. Macron, ovviamente, ha già fatto sapere che al fischio d’inizio sarà al suo posto nella speranza di riportare la coppa del mondo a Parigi dopo la cocente delusione di Berlino di 12 anni fa. E ne approfitterà per incontrare Vladimir Putin. Lo ha ufficializzato l’ambasciatrice francese in Russia, Sylvie Bermann, dichiarando che «è necessario condurre un dialogo con la Russia, per risolvere le situazioni di crisi». Dal Cremlino assicurano che i due «avranno necessariamente contatti» allo stadio Luzhiniki e per il viceministro degli Esteri russo potranno anche discutere “relazioni bilaterali”. Di certo non accadrà con Salvini (che incontrerà il ministro dell’interno russo) che se dovesse vincere la Croazia avrà di che gioire.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Andrea 14 luglio 2018

    Ministro Salvini ha l’occasione di scambiarci quattro parole e di dire in faccia a le President tutte le cosine che pensa di Lui e della politica transalpina.Io mi siederei accanto e tra un’azione e l’ altra della partita Gli farei notare le contraddizioni,l’ipocrisia e le promesse da marinaio finora sfornate ,una stilettata alla volta insomma tra una pausa e l’altra.E Lei invece cosa fa se ne scappa in curva?Così dimostra di essere un vigliacco,un pupazzetto ,un leone da tastiera.Peccato,nulla di nuovo sotto il sole.

  • Agostino 14 luglio 2018

    Spero anch`io che prendano una bella scoppola i “cugini” spocchiosi

  • Francone 13 luglio 2018

    TACI . . . IL NEMICO TI ASCOLTA !