Meloni: «Apriamo gli occhi sulle mafie cinesi e nigeriane». Ma Lega e 5Stelle si sfilano (video)

martedì 17 luglio 14:49 - DI Elsa Corsini

«Incredibile! Oggi alla Camera Lega, M5S, Pd hanno votato insieme contro l’emendamento di Fratelli d’Italia con il quale chiedevamo che la commissione Antimafia si occupasse anche delle mafie nigeriane e cinesi. Per il M5S il nostro emendamento è “discriminatorio” e per la Lega la nostra proposta avrebbe, addirittura, il risultato di limitare l’attività della commissione. Siamo alla follia: ormai il morbo del politicamente corretto corre velocissimo…». Giorgia Meloni su Facebook non nasconde la rabbia per quanto è accaduto a Montecitorio e punta l’indice contro la “strana” alleanza che ha impedito di approvare la richiesta di Fratelli d’Italia e Forza Italia di una indagine più approfondita da parte della commissione Antimafia sul radicamento e sulla pericolosità della mafia nigeriana e cinese. Questo, infatti,  l’obiettivo di una serie di emendamenti presentati da Fdi e Fi che l’aula di Montecitorio (impegnata nell’esame e nel voto di articoli e emendamenti relativi per l’istituzione della commissione Antimafia) ha respinto e che  hanno acceso il confronto tra centrodestra, Pd e Leu.  «Non è vero che gli emendamenti che stiamo presentando –  ha puntualizzato la Meloni – impedirebbero alla commissione di indagare su tutte le mafie straniere. Noi chiediamo sia data una priorità a quei fenomeni che non sono stati ancora adeguatamente studiati, com’è appunto la mafia nigeriana, pressoché sconosciuta fino alla drammatica vicenda di Pamela Mastropietro. Noi diciamo: “occupiamoci della mafia, anche straniera, con particolare riguardo ai fenomeni che conosciamo meno”».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • 18 luglio 2018

    Prima di accusare e bisogno di avere la evidenza in mano per demostrare la associazione con una associazione criminale…e facile a produrre i documenti per la mafia Sud americana, e nigeriana ma per altre associazioni non è tanto facile…in Cina la mafia non esiste, in Russia si, ma è difficilissimo a provare in corte senza la evidenza…lo sbaglio del Onorevole Meloni (o votato per lei) e che deve produrre questi documenti di associazione Mafia….le organizzazioni criminale si chiamano no mafia ma altri nomi…Mao in Cina elemino com-lentamente le organizzazioni Tong..come o scritto prima in Cina non esiste mafia o tong, associazione e uguale alla morte…

  • an.marconcini@gmail.it 17 luglio 2018

    Spesso e non a torto si parla di ‘mafie’per evidenziare il fatto che siano molte le associazioni e organizzazioni di stampo mafioso.La proposta di FDI era quindi da tenere nella massima considerazione e dispiace che sia stata accantonata come se costituisse addirittura un ostacolo alla lotta stessa.Peccato perché si doveva e si poteva fare molto di più potenziando il contrasto alle organizzazioni mafiose minori o emergenti senza per questo perdere di vista quelle storiche e potenti.A mio modesto parere le mafie come del resto le droghe sono tutte uguali e devastanti però ovviamente si tratta solo di un parere.

  • ivan.ital@libero.it 17 luglio 2018

    Io sono d’accordo con la on. Meloni, era ora che qualcuno ne parlasse.
    Ma non solo nigeriana e cinese, anche le altre quali le slave, le sudamericane ecc.
    Interrogatori seri preferibilmente svolti fuori dal territorio europeo.

    È una guerra e va combattuta con tutti i mezzi disponibili come fanno i criminali che ci invadono di droga e di clandestini.