Vaccini, Meloni: «Stop a messaggi confusi sulla salute dei nostri figli»

«I vaccini sono una delle conquiste più importanti nella storia della medicina e le vaccinazioni obbligatorie sono lo strumento che la comunità scientifica ci consiglia per debellare patologie solo apparentemente sconfitte per sempre». Giorgia Meloni è intervenuta su Facebook nel dibattito scatenato dopo le parole di Matteo Salvini sui vaccini. Il presidente di Fratelli d’Italia scrive: «Lanciare messaggi confusi e contraddittori, con il rischio di alimentare paure e notizie false, è un errore che la politica non deve commettere. La salute degli italiani, e in particolare dei nostri figli, non è argomento sul quale dividersi o dare giudizi sommari».

Vaccini, gli immunologi: «Non sono inutili»

A porre un freno anche gli immunologi. «Ritengo che le dichiarazioni del ministro Salvini sui vaccini – ha detto Susanna Esposito, presidente dell’Associazione mondiale per le malattie infettive e i disordini immunologici (Waidid) – siano assolutamente incomprensibili e fuorvianti. Prima di tutto bisogna chiarire che i vaccini obbligatori introdotti per legge nel 2017 sono due (cioè l’esavalente e quello contro morbillo, parotite, rosolia e varicella), se pur multicomponenti, e non dieci. Definire, poi, i vaccini dannosi e pericolosi parlando senza alcuna evidenza scientifica è una follia. Come è una follia dire che i vaccini sono inutili, a fronte del drammatico calo della mortalità per molte malattie infettive che è stato conseguente al loro utilizzo esteso».