Sondaggio dopo sondaggio cresce il consenso per i “porti chiusi”. Ecco i dati

Il governo Lega-M5s convince gli italiani sondaggio dopo sondaggio, se ne facciano una ragione gli oppositori a corto di idee, ma prodighi di insulti. Ultimo sondaggio in ordine di tempo è quello di Demos per Repubblica. “Su Conte e i migranti il governo è ancora in luna di miele col Paese”, recita il titolo dell’articolo di Ilvo Diamanti. Il governo è apprezzato – naturalmente- soprattutto dagli elettori della Lega e del M5s (circa l’ 80% in entrambi i casi). Ma piace anche all’elettorato di Forza Italia e Fratelli d’Italia, partiti che in Parlamentno non hanno votato la fiducia a Conte:  circa il 50% delle rispettive basi esprime consenso per le prime mosse del governo lega-M5S . Consenso riceve il cambio di passo energico sulla politica mogratoria: 3 leghisti su 4 e 2 grillini su 3 condividono la linea dura impressa da Salvini. Lo stesso pensano 6 elettori di Fratelli d’Italia su 10. Più in generale la decisione di Matteo Salvini di chiudere i porti alla Aquarius è condivisa da una larga maggioranza di italiani: il 58 per cento. Nello specifico, l’iniziativa è piaciuta all’87 per cento degli elettori della Lega e al 70 per cento di quelli del M5S. Su una eventuale uscita dall’euro, invece, c’è molta perplessità e cautela anche tra gli elettori della Lega e del M5s (circa il 35%). Una risposta a chi esprimeva timori strumentali contro il ministro Savona che avrebbe potuto orientare verso altre soluzioni la base dei due partiti di governo. In generale, la fiducia verso la Ue e l’euro è cresciuta dopo il 4 marzo. E il peso di chi vorrebbe uscirne in entrambi gli schieramenti, è molto limitato.