Sgarbi: «Almirante, un gigante. Tutto il resto è miseria umana»

lunedì 18 giugno 13:36 - di Federica Argento

«A fronte di incapaci, senza idee, senza visioni, depensanti in servizio permanente effettivo, Giorgio Almirante era un gigante». L’incipit degli “Sgarbi quotidiani” sul Giornale in edicola è fulminante. Il titolo: “La Raggi all’ultimo stadio: attacca i morti”. Il critico d’arte entra nel vivo della penosa retromarcia della sindaca di Roma sulla via da intitolare al leader missino. L’elogio di Almirante, a paragone dei “depensanti”, è abissale, incommensurabile e incolmabili. Sgarbi lo esprime così, con parole che raccontano una civiltà politica di cui non esiste più traccia. Scrive con rimpianto: «Almirante è stato in grado di dare lezioni di democrazia e di dignità parlamentare a fascisti e fascistelli inconsapevoli. Semplicemente fu fedele alle sue idee perchè le aveva». Almirante, scrive Sgarbi, è l’esempio di una civiltà politca di cui si è persa memoria, in nome di di una «confusione mentale imperdonabile».

«Parce sepultis». «Almirante andò ai funerali di Berlinguer, in compenso Indro Montanelli e Giorgio Bocca furono fascisti e antisemiti; e Dario Fo aderì alla Rsi che qualificava come stranieri “gli appartenenti alla razza ebraica”. Pietro Ingrao scrisse un’ode a Mussolini», prosegue Sgarbi. La «stupidità» mostrata dalla Raggi sul caso dello stadio della Roma è nulla rispetto alla «miseria umana»  dimostrata negando l’intitolazione di una strada ad uno come Giorgio Almirante. Mentre viviamo in un “circo” politico dove si gioca a chi la spara più grossa, il nome di Almirante risuona in tutto il suo spessore. «Mentre Oliviero Toscani evoca il processo di Norimberga per Salvini, la Raggi se la prende con un morto. Lasciamo stare quel galantuomo!».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • antonino luongo 22 giugno 2018

    ONORE A GIORGIO ALMIRANTE!!!!!

  • un italiano 19 giugno 2018

    … è vergognoso, fastidioso, indecoroso leggere nomi di vie intestate a loschi figuri anti italiani! … questo è divisivo, non una via o una piazza dedicate ad un grande uomo, un grande italiano, un grande patriota … vergognati se puoi
    sindaco!

  • Carlo Buzzi 18 giugno 2018

    Io cancellerie tutte le vie intitolate a togliatti e come nome metterei le vittime di Stalin morte nei gulag c

  • dino de fasto 18 giugno 2018

    Stavolta Sgarbi ha detto una cosa saggia. Prima di difendere un’idea bisogna averla.Si sciacquassero la bocca prima di nominare Almirante i seguaci dei voltagabbana anti fascisti di professione, quando non complici dei misfatti d’oltrecortina e partigiani di Tito infoibatori.

  • Paolol ghidoni 18 giugno 2018

    Geniale

  • L' ONESTA' 18 giugno 2018

    “SCOMODO” era LUI come TE anche se per motivi diversi .
    Una stretta di mano un forte abbraccio e a tutti e due .

  • Osservatore nero 18 giugno 2018

    Hanno intitolato una strada a Togliatti , bell’esempio di Italianità, uno che batteva le mani insieme al compagno Napolitano quando la Russia comunista invadeva l’ Ungheria, quello che voleva far abbeverare i cavalli dei cosacchi nella fontana di San Pietro e che ha preso milioni dai russi , ha cercato di vendere l’Italia eppure ha una strada intitolato a suo nome , quanta ipocrisia in questa italietta !!!!