Sanchez: «Italia egoista». Ma ricorda quando Zapatero faceva sparare sui migranti?

domenica 24 giugno 11:36 - DI Tito Flavi

Migranti, anche la Spagna, dopo la Francia  attacca l’Italia, ma lo fa in modo, per così dire, “cerchiobottistico”: da un lato ci lancia la solita accusa di “egoismo”, dall’altro riconosce però che siamo stati lasciati soli a fronteggiare l’ondata di sbarchi di questi anni. Un attacco certo sgradevole, ma comunque diverso dalle invettive che ci lancia quell’invasato di Macron. A parlare è  il premier socialista , Pedro Sanchez, in  un’intervista a El Pais. “L’Italia sta già rifiutando altre barche. La Spagna accoglierà di più? Non saremo insensibili a queste tragedie  umanitarie, ma è evidente che la Spagna da sola non può dare una  risposta. Ci sono governi come quello italiano che stanno facendo  politiche anti-europee e dove l’egoismo nazionale è più diffuso”.

Secondo Sanchez “questo ha anche a che fare  con la mancanza di solidarietà dimostrata in precedenza dall’Ue nei  riguardi di un Paese che ospita già mezzo milione di esseri umani  provenienti dalle coste libiche. Il modo migliore per combattere  l’eurofobia è con una maggiore integrazione”..

Riguardo la creazione di centri di sbarco fuori dai confini  dell’Unione sia una soluzione: “Devo prima conoscere più in dettaglio  la proposta che ci faranno. Non mi pare una soluzione che siano i  Paesi di frontiera (dell’Ue) a doversene prendere carico da soli.  L’eurofobia è la principale sfida dell’Ue”, ha affermato Sanchez che  vuole “rinforzare l’asse Madrid-Parigi-Berlino. Se si analizza la  prospettiva storica, ogni volta che Francia, Germania e Spagna sono  andate di pari passo, l’Ue ha fatto bene. Vorrei anche incorporare  Lisbona”.

Parla gonfiano  il petto il premier Sanchez, ma dovrebbe ricordare che, sul fronte dell’accoglienza migranti, la Spagna ha parecchie cose da farsi  perdonare. Alla fine dell’anno scorso, la quota reale di persone accolte nel paese era di sole 1.279 (quanto più o meno ne scaricava una sola nave ong sulle coste italiane). E che dire dei tempi in cui il premier progressista Zapatero dava ordine a polizia ed esercito di sparare contro i migranti che osavano toccare il suolo spagnolo?

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • lanzamarinella58@yahoo.it 25 giugno 2018

    Caro presidente se pensa di far bella figura con Macron (dando contro all’Italia )penso si sbagli di grosso …questo signore va molto in accordo con gay ecc perciò a buon intenditor poche parole ……

  • maurocollavini@libero.it 25 giugno 2018

    E’ arrivato il cretino di turno anche in Spagna. Comunque anche se lui non fà sparare per bloccare l’entrata e li fa entrare per poi rispedirli indietro, mi spiegate la differenza?

  • amerigo.lori@alice.it 25 giugno 2018

    Come di consueto, i komunisti sono a favore dei gay e sempre più generosi con il cxxo altrui

  • cardi.f@web.de 25 giugno 2018

    Beh, il toreruccio di turno deve parlare così, il suo destino dipende dal beneplacito di Frau Merkulonen e di Bruxelles. Come tutti i lacchè deve dire ciò che vuole il padrone.

  • fablomo@libero.it 25 giugno 2018

    Mandiamoli sti spagnoli e francesi (per adesso) sonoramente a quel paese , Tutti insieme ! Facciamo tutti una gran pernacchia tramite il quotidiano “Secolo” e facciamogliele arrivare ! Proviamoci : Prrrrrrrrrrrr.

  • Roccoangela60@yahoo.it 25 giugno 2018

    Salvini deve continuare nella sua lotta contro le ong(ma chi li paga?)e attuare la linea dura sul tema immigrazione,gli altri Paesi europei devono tacere e aiutarci a rispedire a casa i “pseudo disperati”che non scappano da nessuna guerra,e se l’Europa non ci ascolta,continueremo a fare di testa nostra,Viva Salvini che veramente sta dimostrando di tenere all’Italia e agli Italiani.

  • medico.lavoro@gmail.com 24 giugno 2018

    Ormai è chiaro che ognuno tira l’acqua dalla sua parte. Il sinistrorso ovviamente vuol giocare il ruolo del pointer da caccia fedele che lecca la mano al padrone per il biscottino e punta e bracca l’odiato nemico. Attenzione però: in Spagna non so ma in Francia il consenso di Macron è in forte calo. E’ la elite oligarca autoreferenziata, come Macron, il nostro nemico e non i Francesi, popolo sovrano che sta subendo pian piano la stessa sorte globalizzante degli Italiani. Si deve ridisegnare una Europa nuova, vera, unita, equa e solidale: non potrà che essere l’Europa delle Nazioni, l’Europa dei Popoli sovrani. Al bando quessti 4 oligarchi autoreferenziati e massoni (macron ma anche monti e compagnia bella).

  • 24 giugno 2018

    La Spagna fuori dagli affari Italiani…le prenda Sanchez!!! Per lo meno hanno una Guardia Civil che si fa rispettare…

  • d.santinato@virgilio.it 24 giugno 2018

    in questo momento fa comodo avere la memoria corta! altrimenti sarebbero costretti ad accogliere!!