Ma nunn’è che i franzosi n’ce sopportano perché Napoleone era italiano?

È propio vero che a’ notte porta conziglio. Pure a Macronne, che a’ fine ha chiesto scusa. E ce mancava che nun lo facesse. Ma chi mai se credono d’esse sti franzosi? Ma pe’ davvero se penzeno che er monno l’hanno ‘nventato loro? Ma c’o sanno che senza Cesare nostro e li Romani antichi ancora starebbero con l’anello ar naso e con le corne sopra a la capoccia? Tanno orgogliosi e tanno stronzi, sti signori. Er guaio pe’ loro è che di fronte a noi, che pure nella merda ce campiamo, so’ destinati a sta sempre n’ passo indietro. Chissà perché resta n’mistero. Sarà p’a Gioconda che c’hanno sgraffignato, p’à finale del 2006 o pe’ sta storia immensa che ce portamo dietro oppure pe’ sto geniaccio nostro che pure si va tutto storto sempe riesce a venì fori e a fà sfracelli. Sfido io che nun ce vonno sta. Anzi, nun ce ponno. Eppure, come ha scritto ‘na vorta ‘na rivista de cultura  fra italiani e franzosi ce sta de mezzo ‘na quasi cuginanza pe’ vvia che Roma discenne da Troia e avendosi gli avi nostri centurioni ‘ngroppato avanti Cristo quelle zozzone delle bisnonne loro, se trovano fiji de troia pure loro. Noi, però, d’a città de Omero. Loro de quella roscia che passeggia sotto ar Muro Torto. E mica è uguale. E magari fosse solo questo. Stateme a sentì se ve dico che er motivo vero che li fa rosicà più d’un sorcio dendro ar pecorino e che li fa n’cornà peggio d’un toro quanno vede rosso se chiama Napoleone, er grande imperatore. Penzate un poco a come se devono sentì  pezzenti a fronte a noi che de re, papi e imperatori n’avemo avuto tanti che nun basteno strade e piazze a ricordalli. Loro, poracci, solo uno: er Bonaparte, franzoso per altro solo p’ambizione e convenienza, ma italiano pe’ sangue e discennenza. Come a dì che uno solo bono c’hanno avuto ed era pure nostro, mica loro.