Economia, Tria: «Attueremo il programma di governo riducendo il debito»

Il ministro dell’economia Giovanni Tria non parla  una lingua diversa da quella degli altri componenti del governo  e non intende affatto fare il guastafeste rispetto all’attuazione del programma. Certe malelingue sono matite.  Nell’Eurogruppo -dice – “è stato apprezzato il fatto anzitutto che di persona ho ribadito posizioni che sono abbastanza note, espresse sia sulla stampa che in Parlamento e che ovviamente i nostri interlocutori conoscevano bene. Ho riaffermato quello che ho sempre detto, cioè che non è la posizione del ministro dell’Economia, ma la posizione del governo. Questo era importante ribadirlo”.  Tria lo spiega nel corso di una conferenza stampa a Lussemburgo nell’ambito della riunione dell’Eurogruppo 

“Non siamo entrati nella discussione tecnica sui margini – precisa – perché l’intenzione del governo è quella di portare avanti progressivamente il proprio programma, ma nell’ambito di un percorso di riduzione del debito e di coerenza quindi con un consolidamento fiscale: prima di parlare di margini, bisogna fare delle stime e vedere se abbiamo bisogno o no di margini”.