Boeri: «Servono i contributi dei migranti». E Salvini: «Ma basta!»

venerdì 29 giugno 18:16 - di Tito Flavi
boeri pensionati

È polemica a distanza tra il presidente dell’Inps Tito Boeri e il ministro dell’Interno Matteo Salvini su lavoro degli immigrati e contributi previdenziali. Secondo Boeri la presenza dei migranti in Italia serve anche a pagare le pensioni deoeril futuro. «Un azzeramento dei flussi migratori è un problema serissimo per il sistema pensionistico italiano. Avere più immigrati regolari ci permetterebbe fin da subito di avere dei significativi flussi contributivi di ingresso nel nostro mercato del lavoro»: il presidente dell’Inps lo ha detto   intervenendo al Festival del Lavoro a Milano. La riduzione dei flussi secondo Boeri sarebbe un «problema gravissimo per il sistema pensionistico».

Salvini non è affatto d’accordo con questa tesi. E il leader leghista  lo fa sapere alla sua, assai poco diplomatica, maniera. «Secondo Boeri, presidente dell’Inps, la  riduzione dei flussi migratori’ è preoccupante, perché sono gli  immigrati a pagare le pensioni degli italiani…..E la legge Fornero non si tocca. Ma basta!!!».  Né Boeri né altri insigni economisti chiariscono che il problema dei contributi previdenziali non si porrebbe affatto se le aziende pagassero il lavoro c0n salari dignitosi. In tal caso non ci sarebbe bisogno di lavoro straniero a buon mercato e ad alta capacità di sfruttamento.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Andy Aspres 1 luglio 2018

    finché saremo nelle grinfie dei mangiapane a tradimento, messi in carica dei ladroni del PD saremo costretti a sentire queste bestemmie.
    Sarebbe bene cominciare ad epurare tutti i prezzolati seguaci della falsa sinistra.
    La vera sinistra, quella vera, lottava per i lavoratori, non contro.
    Sbattetelo fuori questo improbabile, ed eliminate queste gramigne.

  • FRANCO 30 giugno 2018

    tito e’ stato messo li’ su quella sedia da renzi doppiogolpista ( verso il popolo e verso letta ) quindi
    anche tito accettando l’incarico ne e’ complice e va’ prima azzittito poi ELIMINATO sostituito .

  • lucio 30 giugno 2018

    Caro cioccolatino è più facile che contributi versati da cittadini italiani vadano in tasca a pensionati stranieri, si informi, certi ALBANESI svernano in Albania con pensione pagata dall’IMPS italica

  • Giuseppe Tolu 30 giugno 2018

    E del tuo stipendio, non dici niente.!?!

  • Pino1° 30 giugno 2018

    Cacciatelo viaaaaa, servono i contributi dei nostri figli al lavoro CO°°°°NE i migranti come li chiami tu prelevano contributo di lavori dichiarati mentre sono in africa, vai a lavorare che è meglio….

  • PAOLO Damicodatri 30 giugno 2018

    BOERi di questi migranti senza in giro per il nostro paese senza lavoro che ne facciamo con quali contributi possono aiutare le pensioni future , gli italiani sono senza lavoro e pagano le tasse , i migranti NO , BOERI ma da quale pianeta sei arrivato , taglia subito le pensioni a chi non ne ha diritto , un ministro non puo’ avere tre o quattro pensioni , di questo devi parlare , non dei migranti

  • giulio 30 giugno 2018

    ma dove vive Boeri? Chi ha mai visto un migrante pagare un euro di tasse, o di contributi previdenziali? I pochi contributi non per migranti ma per stranieri regolari sono pagati da famiglie italiane, per badanti, colf ecc., laddove se uno va su un sito di annunci trova moltissimi italiani che cercano un lavoro appunto come colf o badanti. Sempre tra i cosiddetti “regolari”, qualcuno pensa che tessili stranieri, barbieri stranieri, ristoranti stranieri ecc. paghino le tasse fino all’ultimo centesimo?

  • Taddei Roberto 29 giugno 2018

    Dott.(forse) Boeri lo dovrebbe sapere͵un grande fenomeno come lei͵ che fare colazione con la grappa procura lo sversamento di stupidaggini disastroso. Beva magari sciroppo di merluzzo e vitamina D! Ha capito bene no PD !