Aquarius, Gasparri: «Ora regole chiare per Marina Militare e Guardia Costiera»

martedì 12 giugno 13:59 - di Fabio Marinangeli

«Opportuna la decisione di non consentire alla nave Aquarius di una Ong di sbarcare in Italia ma apprendiamo con preoccupazione che navi italiane, della Guardia Costiera e della Marina Militare, stanno portando centinaia di clandestini nei nostri porti. È necessaria una strategia a largo raggio, con la prosecuzione degli accordi con i Paesi del Nord Africa, ma anche con la limitazione della presenza dei nostri mezzi alle aree di nostra competenza». Lo ha dichiarato il senatore di Fi, Maurizio Gasparri. «Se navi italiane continueranno a girare per il Mediterraneo, finiranno per caricare clandestini e per portarli inevitabilmente nei nostri porti. Stiamo seguendo con attenzione la situazione, pronti a sostenere ogni azione che sia coerente con i programmi e le scelte del centrodestra. Ma anche preoccupati per l’attivismo di navi della Guardia Costiera e della Marina Militare Italiana, che rischiano di incoraggiare i trafficanti di persone che, mettendo in mare clandestini, finiscono per farli prelevare dai mezzi italiani che li porteranno nel nostro Paese. Bisogna anche passare alla terza fase delle operazioni internazionali, per avere la possibilità di agire anche nelle acque libiche al fine di bloccare il traffico di clandestini, non di supportarlo. È auspicabile su tutto ciò un confronto parlamentare urgente, perché il programma del centrodestra è ricco di buone idee da mettere in pratica per bloccare il caos del traffico di clandestini», conclude Gasparri.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • fabbru 13 giugno 2018

    CORREZIONE
    Matteo, sei una persona che stimo molto. Ti prego, però, NON TI FARE INCASTRRE. Sei partito bene. I clandestini NON LI VOGLIAMO A CASA NOSTRA. BASTA con quei buonisti che hanno riempito l’Italia di delinquenti, assassini e prostitute. Basta con gli italiani che devono avere paura di passeggiare nei centri abitati con la paura di essere assaliti da questi (PREFERISCO non ESPRIMERMI)!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • fabbru 13 giugno 2018

    Matteo, sei una persona che stimo molto. Ti prego, però, NON TI FARE INCASTRRE. Sei partito bene. I clandestini NON LI VOGLIAMO A CASA NOSTRA. BASTA con quei buonisti che hanno riempito l’Italia di delinquenti, assassini e prostitute. Basta con gli italiani che devono avere paura di passeggiare nei centri abitati e non con la paura di essere assaliti da questi !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • FAUSTO 13 giugno 2018

    I NOSTRI MARINAI SONO DIVENTATI INFERMIERI ? VOGLIAMO CHE LA NOSTRA MARINA MILITARE E LA GUARDIA COSTIEERA FACCIANO IL LAVORO PER CUI SONO STATE CREATE. DIFENDERE I NOSTRI CONFINI, ORA ABBIAMO ANCHE I DRONI PEER UN PIU CAPILLARE CONTROLLO

    • GENNARO TERMINE 13 giugno 2018

      D’ACCORDISSIMO CON TE, FAUSTO !!!!!

  • davide cogliati 13 giugno 2018

    BLOCCO NAVALE NON POSSIAMO PENSARE CHE TUTTA L’AFRICA VENGA IN ITALIA, E’ CO’ CHE STA SUCCEDENDO.

  • SEBASTIANO 13 giugno 2018

    GASPARRI DIMENTICA CHE LA MARINA MILITARE ERA STATA ISTITUITA PER LA DIFESA DEGLI 8000 KM DI COSTA ITALIANA.. NON ABBAMO BISOGO DI ALTRE REGOLE MA DI APPLICARE QUELLE CHE CI SONO SEMPRE STATE COMPRESE LA RIMOZIONE DEGLI AMMIRAGLI CHE TRADISCONO IL MANDATO FACENDO ENTRARE INVASORI

  • amerigo 13 giugno 2018

    ONG o Marina Militare, sempre migliaia di nullafacenti, manovalanza per spaccio e altro, si riversano in Italia: B A S T A!!! Ne abbiamo le palle piene, non passa giorno che in Italia avvengano decine di reati contro le persone e contro il patrimonio e la magistratura alza le spalle…BASTA!!!

  • Mario Salvatore MANCA di VILLAHERMOSA 13 giugno 2018

    Purtroppo Salvini da solo non può fare un granché (per questo si è impegolato a cavallo di una tigre), perché il governo giallo (M5S) è l’altra faccia della medaglia PD – checché ne dicano gli uni e gli altri.
    Intanto le amministrative di domenica cominciano a parlare chiaro. Che aspetta Sergio del Quirinale a indire nuove elezioni?
    Mario Salvatore Manca

  • Giuseppe Santonastaso 13 giugno 2018

    Cose da matti, la Marina Militare Italiana, che dovrebbe controllare gli ingressi dei clandestini, difendere le coste da infiltrazioni clandestine, fa concorrenza o da una mano agli scafisti a traghettare gente sconosciuta nei porti italiani. I comandanti di quelle navi devono essere redarguiti e privati del comando.

    • GENNARO TERMINE 13 giugno 2018

      D’ACCORDISSIMO !!! CONDIVIDO IN TOTO !!!!!!!!!!!!!!!!

  • ADRIANO AGOSTINI 13 giugno 2018

    Spero che Salvini non si faccia intimorire e metta fuori legge tutte le ONG che trasportano esseri umani con la scusa di salvarli e che chiuda l’attracco a tutti i porti italiani a queste navi.

    • GENNARO TERMINE 13 giugno 2018

      BENISSIMO !!!! D’ACCORDISSIMO !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!1

  • ADRIANO AGOSTINI 13 giugno 2018

    La Aquarius, dopo il no all’approdo dato da Salvini e dopo l’OK da parte di Valencia, non si è diretta subito a Valencia, ma ha aspettato due giorni in mare aperto, con i migranti a bordo, vicino Malta. Ieri, dopo che due navi italiane hanno preso a bordo 500 dei 629 migranti, l’Aquarius e le due navi italiane hanno ripreso, tutte e tre, la rotta verso Valencia. Perché vi domanderete voi? La risposta è semplice: il contratto delle ONG (per cui prendono un fracco di soldi) è per portare i migranti in Italia E NON IN ALTRI PAESI. Portando i migranti in altri paesi che non sia l’Italia non prendono un soldo, come da contratto! Avendo scaricato 500 migranti a navi italiane (a questo punto credo che il contratto diabolico sia relativo allo scarico in Italia di almeno 500 migranti) scatta il cavillo che la ONG ha, a tutti gli effetti, scaricato i migranti in luogo italiano e quindi i soldi pattuiti sono salvi. Altrimenti non si spiega perché è dovuta interevnire la Marina Italiana. A quale scopo, se i migranti erano sani e salvi sull’Aquarius? Capito come stanno le cose?

    • GENNARO TERMINE 13 giugno 2018

      ‘STE ONG VANNO AVVERSATE E CON DECISIONE !!! SE VERAMENTE SONO SPINTE DA AMORE PER IL PROSSIMO, CHE VADANO A MISSIONARE IN AFRICA E NON
      ROMPANO I C******* A NOI ITALIANI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • Aldo Barbaro 13 giugno 2018

    Evitare assolutamente ogni equivoco.Chiarire compiti e responsabilità dei nostri militare al fine di evitare quello che a suo tempo è successo in INDIA!

    • Pino1° 13 giugno 2018

      Concordo con lei Sig. Aldo. La confusione è sempre foriera di rischi. Che la Marina difenda le acque territoriali, non facendo il lavoro per le ong !
      Che la ‘guardia costiera’ faccia il suo lavoro lungo le coste… se lo avesse fatto, stanotte, forse, una barca con oltre cinquanta invasori illegali non sarebbero atterrati al sud e sopratutto… la barca che li ha portati a terra non avrebbe potuto riprendere il largo e sparire come se nulla fosse !

    • FAUSTO 13 giugno 2018

      CREDO CHE LEI ABBIA RAGIONE. SPERIAMO ORA CHE AI 500 NON SIA CONSENTITO L’ATTRACCO E LO SBARCO A VALENCIA. SARREBBE IL COLMO.

  • eddie.adofol 13 giugno 2018

    la marina militare e la guardia costiera hanno sempre fatto cosi cosa da dementi cattocomunisti.

  • Pino1° 13 giugno 2018

    Gravissimo evento che colpisce il nuovo governo…… RIMUOVETE IL CAPO DI STATO MAGGIORE DELLA MARINA MILITARE è ancora troppo sensibile agli input personali dell’ex sinistro ministro.
    Da quando in qua un militare muove naviglio di stato senza la dovuta approvazione dello stato da cui prende gli ordini? DELLE DUE L’UNA 1) o in marina militare si sono bolliti il cervello O all’interno del ministero il nuovo ministro non ha preso in mano le redini ! L’Italia deve chiarire alla Marina Militare che non può fare i caz°° suoi come se nulla fosse ! Rimuovete il C.S.M. sia della marina che della Guardia Costiera e mettete un Aiutante di Campo ad hoc delegato, magari promuovendolo al grado di Contrammiraglio e spazzate via quei lacchè a disposizione del Presidente della Repubblica; ne ha bisogno !!!!!!!!!!!!!!!

  • giulio 13 giugno 2018

    Governo di buffoni, si vede che non hanno mai amministrato nemmeno un condominio. Tanto casino per l’aquarius, poi la Marina Militare va a raccattare migranti invece di bloccarli, e la guardia costiera si preoccupa degli africani invece che dei turisti italiani e stranieri che ogni tanto affogano in mare. Tutti i popoli e i governi d’Europa sono contro l’invasione, ma alcuni governi tra cui il nostro giocano a scaricare i migranti sugli altri Paesi, mentre la soluzione è ovvia: primo non andare a prenderli, poi, se partono ancora, fare il blocco navale. Basta un po’ di leadership e di buonsenso.

    • SEBASTIANO 13 giugno 2018

      forse dimentichi, signor “so tutto io” che quando Maroni e il governo di allora iniziarono i respingimenti, fummo attaccati dal papa, dalle ong, dalla ue e dall’ONU. Quando scrisserro la Bossi-Fini, ci fu la magistratura comunista che disse apertamente che non avrebbero applicato quella legge. Allora qual’è il problema se non quello di fare meno gli ipocriti e arrestare tuttla la magistratura che viola le nostre leggi, rimuovere tutti gli ammiragli che disobbediscono al governo in carica?

  • salvatore falb 13 giugno 2018

    fuori dai c******* clandestini ed ONG MAFIOSI SOSTENUTI DA MILIARDARI DA INCATENARE MANI E PIEDI COME LI VEDIAMO IN CERTI FILM , MINISTRO SALVINI DATEVI UNA MOSSA PRIMA CHE SI CONCRETIZZI QUALCHE RIVOLUZIONE, MA NON TROPPO PACIFICA, UNA RIVOLUZIONE TAGLIA TESTE.

  • antonio 13 giugno 2018

    … mantenere gli assetti della marina nel mediterraneo aveva già un costo tutt’altro che modesto (quanti milioni di euro al giorno?): se ne dovrebbe discutere un drastico ridimensionamento, anche decidendo di abbandonare la NATO. Meglio una nazione pacifica e davvero neutrale che usa i vascelli per compiti di sicurezza solo nel “NOSTRO mare”. Ancora di più in quest’epoca in cui di nostro non rimane nulla… neppure la libertà di pescare in acque internazionali per i pescherecci siciliani.

  • TonyHope 13 giugno 2018

    Bisogna bloccare tutto e impedire gli sbarchi. Ne abbiamo già accolti abbastanza, ora è il turno degli altri Paesi della cosiddetta “Unione Europea”. La marina militare deve difendere il territorio non incoraggiare questa attività illegale.

  • antonio 13 giugno 2018

    abbiamo una marina militare che invece di proteggere la nostra patria sta rendendo comodo ciò che i peggiori regimi afro-islamici si augurano da sempre: l’islamizzazione dell’Europa. L’orribile destino di cui parlava la Fallaci, già troppi anni fa.

  • Alfonsa 12 giugno 2018

    la guardia costiera e la marina militare hanno il compito di salvaguardare i nostri mari e le nostre coste, non hanno il compito di caricare ,appunto ,clandestini.Già di per sè questo appellativo è fuori legge,è clandestino chi non è nella legge,vorrei spiegato come mai un mezzo militare li recupera e li porta nel suolo patrio.Mistero! Ministro Salvini e centrodestra tutto varate al più presto una legge ,altrimenti abbiamo fatto un buco nell’acqua.