«A Virgì, non è che porti sfiga?». La Raggi travolta dagli sfottò sui social

Un campo da calcio mai costruito mette la Raggi alle corde. E si scatenano gli sfottò (amari) su Facebook. «Fermate Virgì, fermate per carità». «Che tempestività Virgì». E ancora, «Ma non è che porti sfiga?». La tegola dello stadio della Roma pesa come un macigno sulla giunta capitolina guidata da Virginia Raggi, ma sui social i romani non perdono l’ironia e si scatenano con sfottò di ogni tipo contro il sindaco di Roma, con la complicità di un tweet da lei pubblicato nel quale i suoi follower venivano aggiornati in merito ai lavori per lo stadio della Roma. Il tuttpo proprio poco prima che si scatenasse l’uragano giudiziario dell’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica capitolina.

La Raggi nel mirino dei social

A finire nel mirino della rete le parole di Virginia Raggi, che rimarcava come lo stadio a Tor di Valle fosse «sempre più vicino». «Stiamo lavorando senza sosta per accorciare i tempi – cinguettava  – e realizzare questa grande opera che porterà nuovi posti di lavoro e migliorerà la vita nel quadrante sud della città». Apriti cielo. Frasi che sono bastate a far fioccare critiche e tanti commenti ironici. «Brava Virgì – scrive un utente – un gran successo sto tweet». «Adesso capisco – fa notare un altro – lo spostate a Regina Coeli». E ancora «Virgì, hai il dono della tempestivit». Dello stesso tenore un altro utente: «Ah Virgì come era? “Lo stadio della Roma si avvicina…”: porti proprio sfiga!». Naturalmente sul sito Fb della Raggi pullulano commenti feroci contro di lei e il suo partito “dell’onestà”, leggerli è tutto un programma.Ma è l’ironia amara a prevalere