A Roma spuntano altri due murales politici. Stavolta è toccato a Conte

Nella notte è spuntato a Roma un nuovo murales politico. Anzi, più d’uno. Dopo quello ormai celebre del bacio premonitore tra Di Maio e Salvini ecco quello del premier Conte che tiene in mano una lista delle cose da fare corredata da una serie di punti di domanda. Tutti punti interrogativi. Un modo per prendere in giro il premier e sottolineare che – secondo molti- dipenderebbe in tutto dalle indicazioni dei due ministri Salvini e Di Maio prima di poter prendere qualsiasi decisione. Il nuovo esecutivo ha stimolato la matita di tanti disegnatori. Tra tante vignette becere e disgustose – quelle di Vauro in primis – questa almeno ha il dono dell’ironia. Anche se un’ironia abbastanza qualunquista. Il “documento”, che richiama il tanto analizzato contratto di governo, è infatti intitolato “Lista di cose da fare per salvare il Paese” ed è composto da 10 punti. Però, tutti interrogativi. Dietro l’ironico blitz, che arriva nei giorni del caso Aquarius e del battibecco – poi rientrato- con la Francia sulla questione migranti, ci sarebbe lo zampino di TvBoy, l’artista di strada, esponente del movimento NeoPop, autore del celebre bacio di Salvini e Di Maio.

E siccome un murale tira l’altro, poco lontano, in vicolo del Fico, sempre Giuseppe Conte in veste di calciatore diventa protagonista di un “Tridente” d’attacco abbastanza sui generis insieme a Trump e Putin: tutti insieme – spiega il collettivo TvBoy su Instagram – per far tornare la Russia nel G8. Tvboy nella notte, ha colpito anche a Firenze. In via Sant’agosino, nel centro del capoluogo toscano, è apparso un suo murales che ritrae l’ex premier ed ex segretario del Pd Matteo Renzi che, con accanto un cane, regge un cartello tricolore con scritto “Cercasi futuro”. Tanti i curiosi e i turisti che hanno immortalato con i propri smartphone l’opera dello street artist.