Salvini: la lista è pronta, noi non facciamo passi indietro. Andiamo avanti

sabato 26 maggio 19:10 - di Redazione

“Passi indietro la Lega ne ha già fatti abbastanza: abbiamo già fatto tutto quello che potevamo fare”. Così Matteo Salvini risponde a chi gli chiede se il Carroccio intende fare passi indietro sulla lista dei ministri. “Già stasera – dice ai microfoni di Sky tg 24 e dei giornalisti presenti fuori dalla sede di via Bellerio a Milano – daremo al presidente del Consiglio incaricato i nomi della Lega che sono pronti a fare i ministri e lavorare per il bene dell’Italia: non ne faccio una questione di nomi e cognomi, ma di rispetto del voto degli italiani”, aggiunge il segretario federale della Lega.

La Lega “è a disposizione degli italiani con il meglio che possiamo mettere a disposizione, con delle personalità esterne ai partiti che rappresentano il meglio di questo Paese”, rimarca Salvini. “Se qualcuno, però, ci rimproverasse che qualcuno dei nostri indicati ministri fa troppo l’interesse italiano e troppo poco l’interesse di qualche lobby europea, allora no. Io passi indietro ne ho già fatti abbastanza”. Se ieri il segretario del Carroccio si diceva “arrabbiato”, oggi l’umore è cambiato. “Sono determinato. La gente mi dice ‘non mollare, tieni duro e partite’, io sono prontissimo a partire. Passi indietro ne abbiamo fatti 18, la Lega credo sia stata la più responsabile, che ha rinunciato a tutto quello a cui poteva rinunciare, non rinunciamo alla dignità e alla difesa dell’interesse nazionale”, conclude Salvini.

“L’unico rischio che vedo – ha aggiunto – è un’ulteriore frattura, separazione, distanza tra i palazzi del potere e il popolo. Il popolo ci dice vi abbiamo votato, andate, fate, migliorate, se qualcuno rallentasse ancora questo processo di cambiamento e facesse saltare un lavoro che ci è costato 15 giorni di impegno e sacrificio, tornerei ad essere arrabbiato”.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe Tolu 27 maggio 2018

    Vai avanti Salvini, a tutta birra

  • NOEURO 27 maggio 2018

    Mattarelle al banco degli imputati:
    Subito !!! Prima della fine della neurovaluta
    Imputato con accusa:
    “attentato alla Costituzione” e “alto tradimento verso l’ITALIA ed i cittadini italiani”.

  • Massimilianodi SaintJust 27 maggio 2018

    A Mattarella non è dato porre veti per la nomina di ministri. Se proprio non se la sente di nominare Savona allora si dimetta. Continuando così è passibile di alto tradimento della costituzione.

  • Del mondo Raffaele 26 maggio 2018

    Unico passo indietro sono le fimissioni dei 70 patlamentari eletti nei colleggi uninominsli