Salvini ai suoi: «S’è aperto uno spiraglio con i grillini, voglio provare…»

Un governo Lega-M5S? Sembrava impossibile, invece. «Si è aperto uno spiraglio, per questo abbiamo chiesto altre 24 ore al Quirinale». Ma se non dovesse andare col M5S, “tenetevi pronti a tornare al voto. Tanto siamo gli ultimi a perderci, abbiamo solo da guadagnare” da un ritorno alle urne. Lo avrebbe detto Matteo Salvini ai parlamentari della Lega riuniti a Montecitorio, raccontano fonti del Carroccio. Con i suoi, il leader della Lega non si sarebbe inoltrato sui termini dell’intesa con i 5 stelle, che appare ormai sempre più vicina, né, lasciando il Palazzo, ha voluto rispondere alle domande dei cronisti circa l’incontro con Di Maio.

Intanto, giornata di riflessione per Silvio Berlusconi ad Arcore. Sul tavolo sempre la linea da tenere di fronte al pressing di ora in ora più asfissiante di Lega, parte di Fi, quella più filosalviniana, e M5S, per spingere il Cav al “passo di lato” necessario per far partire un governo giallo-verde. Da Milano il leader azzurro resta in contatto con Roma, in particolare con Gianni Letta, suo emissario al Colle. Anche se circolano con insistenza le voci di una possibile intesa tra Carroccio Cinque stelle e Fi, alimentate dal fatto che Luigi Di Maio per la prima volta parla di ”nessun veto” verso il presidente di Forza Italia, a Villa San Martino assicurano che la posizione non è cambiata rispetto alla nota diffusa ieri a fine serata: “no” secco all’appoggio esterno, “a veti e teatrini”. Linea confermata da Maria Stella Gelmini, nella riunione dei deputati. Il ‘no’ al sostegno esterno, però, fanno notare fonti azzurre, non esclude che alla fine, con le dovute garanzie, Fi possa aprire ad altre formule di impegno, tipo l’astensione “benevola” che dia il via libera all’esecutivo politico Salvini-Di Maio dopo un patto stretto tra il Cav e il segretario di via Bellerio. La trattativa, insomma, non è chiusa, continua a ritmo serrato e potrebbe andare per le lunghe. Berlusconi, infatti, riferiscono, prende tempo e preferisce per ora tenersi le mani libere, perchè vuol vederci chiaro sulle proposte di accordo che gli emissari leghisti gli stanno portando all’esame in queste ore.

Salvini ribadisce: ho chiesto 24 ore (video)