Raggi assente, la Romanina come il Bronx: i Casamonica frustano disabile in un bar (video)

Volevano essere serviti prima, si sono irritati per la mancanza di “attenzione” da parte del barista, poi alle proteste di una ragazza disabile si sono scagliati contro di lei prendendola a cinghiate. Il clan dei Casamonica fa il bello e il cattivo tempo, fino a rendersi protagonista di un episodio vergognoso, nel giorno di Pasqua, in un bar del popoloso quartiere di Roma, dove il Campidoglio sembra aver completamente abbassato la guardia, La storia è stata resa nota da Repubblica, in un articolo della giornalista Federica Angeli più volte minacciata da mafia e nomadi del posto. Secondo il quotidiano romano, che pubblica anche un video in esclusiva, uno degli esponenti della nota famiglia di origine rom, Antonio Casamonica, era entrato nel bar di via Salvatore Barzilai con il cugino Alfredo Di Silvio. «Dietro il bancone c’era un ragazzo romeno. “Questi romeni di merda non li sopporto proprio”, hanno urlato perché non sono stati serviti immediatamente. All’interno del locale c’era anche una giovane disabile che si è ribellata: “Se il bar non vi piace andate altrove”. La reazione è stata brutale. Casamonica le ha strappato con una mano gli occhiali e li ha lanciati dietro al bancone, poi si è sfilato la cintura dai pantaloni e la ha passata a Di Silvio. Hanno preso la giovane alle spalle, l’hanno frustata e poi presa a calci, pugni fino a quando è crollata a terra massacrata. “Se chiami la polizia ti ammazziamo”, è stata la minaccia finale». L’epilogo della storia, secondo Repubblica, è ancora più increscioso: i due avrebbero fatto ritorno nel bar spaccando la vetrina, rovesciando tavoli e sedie e intimando al proprietario di chiudere il locale immediatamente. Ma il barista, stavolta, è andato a denunciare tutto, per poi essere minacciato ancora dai Casamonica, ha chiuso per due giorni il locale poi, con molto coraggio, lo ha riaperto.

E il sindaco? Tuona contro i clan, ma solo su Twitter: «Uniti contro la criminalità. Le immagini dell’aggressione dei Casamonica nei confronti di una donna disabile e un barista sono inaccettabili. Le istituzioni non abbassano lo sguardo. #FuoriLaMafiaDaRoma».

video