Poliziotta fuori servizio uccide rapinatore. Il Brasile la premia (video)

martedì 15 maggio 19:40 - di Penelope Corrado

Il rapinatore punta la pistola contro una famiglia con bambini, davanti a una scuola elementare. Ma non ha fatto i conti con una poliziotta fuori servizio, arrivata in quel momento per prendere il figlio. Accade a San Paolo de Brasile: il caporale Katia da Silva Sastre estrae la pistola dalla borsa e non perde il sangue freddo. Spara, difendendo le altre madri e gli altri bimbi presenti: tre colpi centrano il malvivente alle gambe e al petto. L’uomo morirà poco dopo in ospedale. Le telecamere di sorveglianza esterne all’istituto privato hanno ripreso quegli istanti. Un video che ha fatto il giro non solo del Brasile, ma del mondo.

Governador homenageia Policial Feminina por exercício de seu trabalho. O governador do Estado de São Paulo, Márcio França, homenageia Policial Feminina por exercício de seu trabalho, em ação de defesa de mães e crianças de um assantante defronte a uma escola no município de Suzano. Local: São Paulo/SP Data: 13/05/2018 Foto: Governo do Estado de São Paulo

 

La poliziotta brasiliana è diventata un’eroina nazionale

Per il suo coraggio il giorno dopo è stata premiata, con tutti gli onori, dal governatore dello Stato di San Paolo, in Brasile, Marcio Franca, durante la Festa della Mamma. La premiazione proprio all’ingresso della scuola Ferreira Master di Suzano, a San Paolo, dove è avvenuto il conflitto a fuoco. «Siamo venuti qui questa domenica mattina, festa della mamma, – ha detto il governatore alla stampa, – in un giorno molto speciale per onorare una madre molto esperta, molto disponibile, molto coraggiosa, che è il caporale Sastre del 4 ° Baep, nella zona est». Fosse accaduto in Italia, per l’eroico caporale ci sarebbe stato un analogo riconoscimento? La risposta è tutt’altro che scontata.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Massimilianodi SaintJust 16 maggio 2018

    Contro criminali, mafiosi e politici corrotti ossia contro la tirannia non c’è che il 2° emendamento costituzione Usa : libere armi in libero stato, voluto anche dal Beccaria , cap.XL, ma taciuto dagli abolizionisti; come la chiusura dei manicomi e le migliaia di innocenti morti per colpa di Basaglia e i politici che hanno chiuso le cittadelle psichiatriche, facendo ricadere drammi e violenze sui familiari.

  • Dens Clavio 16 maggio 2018

    Purtroppo i sinistri sono tutti uguali dife m dono Caino e nn gli frega nulla di Abele, però nn vanno a prptestare in Turchia dove il dittatore el can scusate Erdogan ha messe in galera tutti i giormslisti occidemtsli giusto prima delle lezioni; però noi furbi manvrati dai bamchieri speculatori attacchiamo Putin che è presidente do un paese occidentale e cristiano ma applaudiamo ad un islamico che vuol imporre l’islam ovunque e lo dice aperamente

  • Giuseppe Forconi 16 maggio 2018

    Ma davvero ???? Anche noi in Italia se un poliziotto uccide un pregiudicato…….. va diritto in galera, altro che medaglia eroica. Questa e’ la differenza e le regole italiane, fatti derubare, fatti ammazzare, ma non disturbare il lavoro del pregiudicato che si sta guadagnandosi da vivere uccidendo, derubando e spacciando, insomma facendo il criminale. Bravi, ma bravi giudici coatti comunisti.

  • Carlos d'Amore 16 maggio 2018

    Pultroppo peró anche qui i comunisti cominciano a dire che la poliziotta avrebbe dovuto aspettare di essere colpita dal delinquente prima di reagire…