Perfino da Pd e Leu sì a Savona: «Preparato e autorevole, è l’uomo giusto»

Sgradito al Colle, ma appoggiato da Pd e Leu. La sponda a Paolo Savona arriva dalle forze di opposizione di sinistra. Mentre Lega e M5S sono impegnati in un braccio di ferro col Colle per far passare il nome del professore anti-euro al ministero dell’Economia, a sinistra vengono rilasciate interviste in cui si sottolinea che «Savona è preparato» o «Paolo è l’uomo giusto» per confrontarci con l’Europa.

A pensarla così è Stefano Fassina, che su Repubblica ha spiegato di guardare con favore al professore sardo «perché è una persona autorevole e competente per forzare le regole europee, in particolare gli obiettivi del fiscal compact, irrealistici e pericolosi per l’uguaglianza e la giustizia sociale». Per l’esponente di Leu, infatti, per risollevare l’economia italiana «serve ripercorrere la strada keynesiana dell’intervento pubblico, quella indicata anche da Savona». Ma l’apertura di Fassina non è solo nei confronti del ministro dell’Economia indicato dall’alleanza giallo-verde: riguarda l’intero governo. Dopo aver ribadito che non voterà la fiducia, infatti, l’esponente di Leu ha chiarito che «ci possono essere singole convergenze»: «Nessun soccorso, ma sfida su singoli punti».

Anche per Francesco Boccia del Pd, presidente della Commissione bilancio della Camera nella scorsa legislatura, «Paolo Savona è una delle migliori personalità del Paese in materia economica». «Io farò opposizione netta a un governo che tende a destra, ma la critica a Savona in maniera preventiva è scorretta», ha detto Boccia a La Stampa, aggiungendo che Savona «ha dimostrato nella sua vita di essere bravo». «Il capo dello Stato decide in base alle sua valutazioni, non mi permetto di giudicare», ha poi proseguito l’esponente del Pd, sottolineando però che «io dico solo che il presidente fa benissimo a preoccuparsi dei nostri rapporti con l’Europa e della difesa dell’euro, che è la linea Maginot, ma il nodo vero non è sulle persone, è politico». Insomma, anche dal Pd via libera a Savona.