Parma, nigeriana tenta di strangolare la figlia di un anno con la canottiera

Un altro dramma. Una violenza improvvisa, contro la bambina e contro gli agenti. A Parma si sono vissuti momenti di forte tensione e paura. Una nigeriana aveva la figlioletta di un anno in braccio e ha tentato di strangolarla con la canottiera della piccola. La donna di 30 anni, incensurata, è stata arrestata dalla polizia. Tutto è accaduto intorno alle 23, come racconta la Gazzetta di Parma. La nigeriana era per la strada e urlava con la bambina in braccio. Al 113 sono arrivate molte segnalazioni e gli agenti sono sopraggiunti. Si sono resi conto che la straniera era in stato di alterazione. A quel punto i poliziotti hanno tentato di calmarla, convincendola ad andare in casa. Ma non è servito, la nigeriana ha continuato a straparlare e allora gli agenti hanno deciso di chiamare il 118. Mentre stavano aspettando l’ambulanza, con un gesto improvviso la donna ha tolto la canottiera alla piccola e gliel’ha attorcigliata intorno al collo. Nonostante la resistenza della nigeriana, che ha morso a una mano un agente, i poliziotti sono riusciti a strapparle la bambina, poi affidata al padre: per lei, cinque giorni di prognosi per escoriazioni.