Omicidio Sana, indagate la madre e la zia. Il padre: «Morta per volere di Allah»

venerdì 11 maggio 12:18 - DI Milena De Sanctis

Non finiscono i misteri sulla morte di Sana Cheema, la 25enne italo-pachistana uccisa il 18 aprile scorso nel suo paese d’origine: ora anche la madre e una zia della ragazza risultano indagate. Lo riporta il Giornale di Brescia. Ieri le parole del padre di Sana, intervistato da Repubblica, che ha inqualche modo ritrattato la confessione, non ammettendo esplicitamente l’omicidio. «Se il referto dei medici legali dice che Sana aveva l’osso del collo rotto – ha detto – è perché deve aver battuto la testa contro il bordo del letto o il divano». Secondo il padre della ragazza, «se le cose sono andate così è per il volere di Allah». Oltre a Mustafa in carcere anche il figlio Adnan Cheema, 31 anni.  Agli investigatori, invece, il padre aveva dato un resoconto durissimo: «L’ho uccisa, l’ho strangolata con l’aiuto di mio figlio. Le ho messo le mani al collo, lei aveva rinnegato la sua famiglia e le sue tradizioni».  Ora la notizia di un presunto coinvolgimento nell’omicidio delle donne della famiglia. Le indagini proseguono: gli inquirenti hanno chiesto una proroga di 15 giorni, in attesa del risultato di tutti gli esami sul corpo della giovane.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • amerigo.lori@alice.it 13 maggio 2018

    Vabbeh, se lo vogliono allah, la boldrini e la cirinnà, vuol dire che è giusto…no?

  • lorenzaceccaroni@libero.it 12 maggio 2018

    Dando la cittadinanza a questa gente si da loro anche la possibilità di formare partiti filo islamici , che proporranno le leggi della sharia anche in Italia . Se questi partiti dovessero ottenere voti e imporre queste leggi un domani le nostre figlie e nipoti ( italiane ) saranno sottoposte allo stesso trattamento..!!!!! È pericolosissimo dare la cittadinanza in giro come fosse una caramella , le conseguenze sono gravi e pesanti.

  • elvio_mobili@yahoo.it 12 maggio 2018

    Questo non e’ un padre! L’Islam non e’ una
    religione.bensi’ il condendato di violenza
    e di odio.

  • agodrago@sunrise.ch 12 maggio 2018

    Si, e ora speriamo che i giudici “per volere di Allah” vi diano l`ergastolo

  • silviatoresi@gmail.com 12 maggio 2018

    Dio ci salvi dal fanatismo religioso!!!

  • simef@tiscali.it 12 maggio 2018

    Mi auguro abbiano fatto una TAC di tutto il corpo del cadavere esumato.Se ciò è avvenuto non ci potranno essere dubbi sulla natura delle lesioni rinvenute.