Molto rumore per nulla: annullata la sanzione al carabiniere per la bandiera

All’epoca fece molto rumore, ma ovviamente si è rivelata per quello chera: una tempesta in un bocchier d’aqua. È stata annullata dal comando del Quinto reggimento carabinieri Emilia Romagna la sanzione di tre giorni di consegna semplice per il carabiniere che aveva affisso nella propria camera della caserma Baldissera a Firenze, sede del Sesto battaglione Toscana, la bandiera della Kaiserliche Marine, risalente al periodo del Secondo Reich. Il caso era scoppiato perché il vessillo, che era stato fotografato da un giornalista fiorentino dall’esterno della caserma, talvolta è usato da militanti neonazisti. Il militare ha sempre sostenuto di non sapere che quella bandiera è usata anche da militanti neonazisti. Il comando del Quinto reggimento carabinieri Emilia Romagna, cui aveva fatto ricorso gerarchico la difesa del militare, ha rilevato che non è una bandiera nazista, annullando così la sanzione dei tre giorni di consegna inflitta dal comando del Sesto battaglione Toscana. Il comando del Quinto reggimento ha anche disposto che tutti gli atti siano inviati in procura per eventuali valutazioni nei confronti di chi fece la foto alla bandiera.