“Messina Denaro andò al teatro Parioli per spiare Maurizio Costanzo”

Il superlatitante Matteo Messina Denaro era al teatro Parioli tra gli spettatori del Maurizio Costanzo Show un anno prima dell’attentato del 14 maggio 1993 al conduttore Mediaset e all’allora fidanzata Maria De Filippi. La clamorosa rivelazione arriva dal Fatto quotidiano, che è venuto in possesso di documenti della procura di Palermo.

C’è una foto che conferma la presenza di Messina Denaro

Tra questi, ci sarebbe una fotografia scattata all’interno del teatro Parioli. Era il 1992 quando Messina Denaro e Giuseppe Graviano, boss della mafia condannato per gli attentati del ’92 e del ’93,  si infiltrarono fra il pubblico della trasmissione per studiare l’obiettivo. La prova della loro presenza sarebbe contenuta in una fotografia ottenuta dalla Dia, ora agli atti delle nuove indagini.

Messina Denaro aveva pianificato l’attentato

A mettere sulla buona strada gli inquirenti sembra siano state proprio alcune frasi di Graviano intercettate mentre il boss passeggiava in carcere, ad Ascoli Piceno dove è rinchiuso: è il 24 settembre 2016 quando, in regime di 41 bis, fa rivelazioni interessanti al suo compagno di detenzione Umberto Adinolfi.
Gli parla di una trasmissione del Costanzo show a cui fu invitato anche Giovanni Falcone, poco prima dell’uccisione del magistrato, a cui avrebbe partecipato anche lui, Giuseppe Graviano. Ecco le parole del boss: «Nel 1992 a Roma, quando c’era Falcone al Costanzo, dove si sedeva, c’erano otto persone. Eravamo io, palermitani, due di Brancaccio, miei, due di… che poi se ne sono andati che avevano un matrimonio e altri due che si sono fatti pentiti, uno di Castelvetrano e uno di Mazara del Vallo: Sinacori e Geraci».

Costanzo: “La notizia mi fa impressione”

Costanzo era finito nel mirino di Cosa nostra in seguito a una serie di iniziative particolarmente pesanti contro la criminalità organizzata. In particolare nel settembre 1991 aveva organizzato una trasmissione a reti unficiate con Michele Santoro contro la mafia. Costanzo commenta con sgomento quelle indiscrezioni: «Apprendo solo ora di quelle foto. Sapevo che mi avevano seguito ma che poi avevano desistito. Immaginare Messina Denaro tra il pubblico mi fa impressione».