Mattarella, Meloni e 5 Stelle chiedono l’impeachment: non può porre veti (VIDEO)

domenica 27 maggio 22:07 - DI Bianca Conte

«Se il veto su Savona impedisse la formazione del governo chiederemo al Parlamento la messa in stato di accusa del Presidente della Repubblica»: questo il post con cui Giorgia Meloni, prima ancora dell’ufficializzazione del no dichiarato da Mattarella al governo a guida Lega-Cinque stelle, annunciava quello che poco fa il suo partito ha stabilito: «Fdi chiederà la messa in stato d’accusa di Mattarella» evidentemente «influenzato dalle nazioni straniere». FdI insieme ai 5 Stelle.

Meloni e M5S invocano l’impeachment per Mattarella

Ormai è chiaro: dopo il naufragio dell’esecutivo gialloverde, sancito dal passo indietro di Conte, determinato dallo stop di Mattarella sulla figura del professor Savona proposto al ministero dell’Economia, di fatto si è aperta una vera e propria crisi istituzionale. Una crisi in cui, nonostante i toni duri usati da Salvini e Di Maio dopo il no del Colle, la prima a proporre una ipotesi di impeachment è stata proprio Giorgia Meloni che, nel corso di una diretta Facebook confermava, prima ancora dell’esito dell’incontro tra Conte e il presidente, che qualora il no fosse stato motivato dalla scelta di Savona ministro, «la notizia avrebbe dell’incredibile perché la verità è che non esiste alcuna norma della Costituzione italiana che consenta al Presidente della Repubblica di rifiutarsi di nominare un ministro solo perché non ne condivide le idee». Quindi, la dura presa di posizione, sempre in diretta sui social: «Se questa notizia fosse confermata sarebbe drammaticamente evidente che il presidente Mattarella è troppo influenzato dagli interessi delle nazioni straniere, dunque Fratelli d’Italia, nel caso in cui questo veto impedisse la formazione del nuovo governo, chiederà al Parlamento italiano la messa in stato d’accusa del presidente della Repubblica per alto tradimento, a norma dell’articolo 90 della Costituzione, perché di gente che fa l’interesse delle nazioni straniere e non degli italiani – ribadisce con veemenza la Meloni – ne abbiamo vista fin troppa». Un’iniziativa, quella della proposta di impeachment del presidente, condivisa da FdI con i grillini. «Spero che agli italiani sia data la parola il prima possibile… Dobbiamo discutere la messa in stato d’accusa del Presidente Mattarella» e «parlamentarizzare questa crisi istituzionale… dobbiamo portare l’articolo 90 nella discussione parlamentare e poi andare a elezioni il prima possibile», ha fatto eco Di Maio, leader del M5S, all’iniziativa già lanciata da Giorgia Meloni.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • annabuonfiglio@mail.com 29 maggio 2018

    È’ solo una corsa alla poltrona ! Continuano a giocare sulla stanchezza di un popolo quasi allo sbando!
    Attenti , ripassate qualche pagina di storia!
    Il momento può’ diventare pericoloso e non vedo innocenti …..

  • fdesalvo@aconet.it 28 maggio 2018

    42 esimo commento: per fortuna il quinto capo di governo non eletto dagli italiani ha rinunciato. Salvini e Di Maio per tutta la campagna elettorale avevano tuonato contro i capi del governo non eletti dagli Italiani e poi ciascuno ha tradito i propri elettori indicando nuovamente una persona mai eletta dagli italiani. Perché ciascuno voleva fare il premier e non trovando altra strada si sono associati pensando ciascuno di fregare l’altro, non ci sono riusciti ed hanno scoperto di nominare un tecnico (?!?) semi evasore di tasse (52.000 €).
    Sempre cercando uno di sopraffare l’altro hanno partorito un papocchio che se fosse partito avrebbe comunque sbattuto contro l’articolo 81 della Costituzione.
    E la Meloni che non ha trovato traccia nel papocchio delle sue giuste richieste per la famiglia e per il problema demografico, si mette a litigare con chi sta tentando di riaprire la strada per un programma più aderente alle sue richieste?
    Complimenti !!.

  • Francesco Ciccarelli 28 maggio 2018

    Le pressioni estere costrinsero Berlusconi a dimettersi nel 2011 e adesso hanno imposto al Presidente di escludere il prof. Savona. I nostri “alleati” sono più pericolosi di mafiosi e terroristi insieme: guardiamocene bene!

  • g.abbruzzese@utanet.at 28 maggio 2018

    Ero a conoscenza del detto di Einstein, vale a dire che lui non poteva dire con sicurezza che l`UNIVERSO fosse infinito, ma poteva affermare con estrema sicurezza che la STUPIDITÀ degli esseri umani lo sia senza alcun dubbio. Alorché 100 “scienziati ?” hanno fatto pubblicare su giornali, che loro NON ACCETTAVANO la sua teoria e la la sua formula, che come si sa ha rivoluzionato il mondo, Einstein ad una domanda specifica in merito fatta da alcuni giornalisti rispose: Perché 100 ? Se almeno 1 di loro fosse in grado di capirla almeno parzialmente, avrebbe potuto dare qualche spiegazione agli altri 99. Si vede che nessuno di loro ha capito un`ACCA. Io ho votato “ALMIRANTE”´si proprio lui, vale a dire le sue idee, in Fini vedevo un bagliore a fine del tunnel, rivelatosi poi in un lumicino “La Russa” Meloni non so chi sia e di cosa sia esperta, ma ho capito che non la vuole piú nessuno. Non so se Orban vuol fare un bagno con lei nel Danubio, la Le Pen, il bagno lo solo con Matteo. Il popolo italiano ha votato in maggioranza la coalizione Lega-5Stelle con a capo de governo un certo Conte (con lauree in tutto il mondo). Come Ministro dell`Economia il Prof. Savona, che quando i tedeschi gli hanno detto di NON VOLERE L`ITALIA nell`EURO, non ha saputo far niente. C´è voluto Ciampi perché mettesse le cose in equilibrio.
    I tedeschi hanno chiesto e ricevuto ORO come pegno per il debito che lo Stato Italiano aveva venduto sottoforma di buoni del tesore ai fondi di Stato ed alle banche tede potettesche. Ciampi AMMUTÌ con suna frase memorabile il Ministro delle Finanze tedesco e l`Italia da allora in poi ha Goduto di stabilitá finanziaria che dal 1980 non aveva piú e che con CRAXI scala mobile, pensioni dal 39° anno in poi, (moglie di Bertinotti fra le molte migliaia), sussidi e piccoli impieghi, ecc. hanno portato l`italia al disastro finanziario ed a quasi collasso totale. Potete criticare Monte e fornero quanto volete, ma questi 2 hanno messo le basi per la stabilitá del nostro paese. Padon é stato senza alcun dubbio un eccellellente Ministro dell`Economia, agendo spesso contro certe speculazioni politiche del PD. Il Doc. C. Cottarelli ( che piú di una volta in televisione ha ribadito di “non essere Prof. e di non sapere perché quasi tutti lo titolano cosí, ribadisce continuamente ció che tutti sanno: Senza quattrini non si possono fare spese. Ed i BPT con la faccia di Beppe Grillo, come proposto da un SUPERCERVELLONE grillino, non so se potrebbero essere prodotti con carta adatta ad un scopo specifico.

  • laurabovati@yahoo.it 28 maggio 2018

    Già il fatto che avesse offerto la possibilità di fare un governo a tutti, tranne a chi aveva avuto il maggior numero di voti (la coalizione di centrdestra) la diceva lunga. Il fatto poi che parli del popolo italiano, ma non si sia neppure sognato di inoltrare formale protesta al governo tedesco per quello che i suoi giornali hanno scritto sugli italiani, ci dimostra che non crede nel suo popolo. Purtroppo da moltissimi anni siamo una nazione senza un presidente. Spiacente italiani, siamo soli!

  • Giovanni Acquaviva 28 maggio 2018

    Cara Giorgia. Sono lieto di vederti così determinata e decisa, ma temo che la strada dell’impeachment non abbia futuro, visti i tempi lunghi (che non ci sono) e visto soprattutto che il giudizio finale spetterebbe alla corte costituzionale (il minuscolo è voluto) di cui conosciamo benissimo l’orientamento. Sono invece più d’accordo con “noi-con-voi” che propone una campagna di propaganda tesa a mettere quest’uomo nella giusta luce e a costringerlo a dimettersi. Nel frattempo mi auguro che i tuoi rapporti con Salvini diventino sempre più stretti e che puntiate insieme verso una linea che ormai con il vecchio EX-Cav. non ha più alcun punto in comune. Alle prossime elezioni non vorrei più avere il dubbio su chi votare fra F.d’I. e la Lega e mi piacerebbe tanto vedervi in un partito unico. Sono convinto che così i voti incamerati supererebbero di gran lunga la somma aritmetica dei due partiti divisi.

  • Giuseppe Santonastaso 28 maggio 2018

    Il presidente Mattarella non mi ha stupiti ,avevo la certezza di quanto ha fatto, chi continua a stupirmi e Berlusconi, che ora , rinnega tutto, se associa al PD per costituire il prossimo e governo fantoccio

    • Giuseppe Santonastaso 28 maggio 2018

      Il presidente Mattarella non mi ha stupito ,avevo la certezza di quanto ha fatto, chi continua a stupirmi è Berlusconi che ora rinnega tutto e si associa al PD per costituire il prossimo e governo fantoccio

  • GENNARO TERMINE 28 maggio 2018

    SIAMO STATI GIA’ FESSAMENTE REMISSIVI CON LE TIRANNICHE IMPOSIZIONI DI OSCAR LUIGI SCALFARO E RE GIORGIO ALIAS GIORGIO NAPOLITANO, PER CUI E’ ORA DI RIBELLARCI E DECISAMENTE SCENDENDO IN PIAZZA E SLOGGIANDO DAL QUIRINALE ‘STO ENNESIMO TIRANNELLO, CHE MI HA GIA’ TANTISSIMO URTATO ALLORCHE’, IN SFREGIO ALLA STORIA, HA DISCONOSCIUTO L’OPERATO DEL VENTENNIO FASCISTA, SENZA CONSIDERARE CHE LA MAFIA, CHE GLI HA UCCISO IL FRATELLO, E’ STATASTRENUAMENTE COMBATTUTA DURANTE IL FASCISMO, TANT’E’ CHE EBBE A TRASFERIRSI A GAMBE LEVATE IN AMERICA, SALVO TORNARE IN ITALIA CON IL TRIONFO DEGLI ANTIFASCISTI !!!!!

  • max.bialystock@libero.it 28 maggio 2018

    On.le Meloni siamo con lei, chi tradisce la Patria, chiunque sia, deve essere processato secondo ciò che prevede la nostra straordinaria Costituzione

  • fbrunozzi@yahoo.it 28 maggio 2018

    Giorgia, procedi. E’ ora di finirla con le manipolazioni di presidenti “bolsceviky” (giorjei e serjei)

  • Francesco Fello 28 maggio 2018

    Non sono d’accordo con Mattarella, ma in questo momento mi piacerebbe sentire discorsi diversi. Ovvero cercare di uscire il prima possibile da questa grave crisi istituzionale e porre avanti a tutto l’interesse della Nazione….ma pare che siano anteposti, come sempre, gli interessi di parte.

  • benpiero@alice.it 28 maggio 2018

    Invece di prendersela con il Presidente, vorrei che si indagasse su chi fa salire lo spread. Ormai solo le banche italiane o quasi solo loro comperano i btp e lo fanno con i soldi che passa loro Draghi.
    Le banche italiane da che parte stanno?

  • Gianfranco Schiavo 28 maggio 2018

    Buongiorno. Sono una nuova voce per darVi, per quanto potrò e se mi sarà concesso, una mano nella bufera innestata dal Sig. Mattarella con il Suo diniego alla costituzione del governo Di Majo-Salvini. Dal momento che Mattarella aveva già promulgato il nuovo governo nella persona del Dr. Conte, non aveva più titolo per interferire sulla scelta dei singoli Ministri. Perciò ritengo giusto che venga posto in “stato d’accusa” per aver violato la Carta. Ma (per ovvii motivi…) non percorrendo le vie dei tribunali (da dove non si uscirebbe più), bensì provocando una tempesta di discredito fino a costringerlo alle dimissioni e, in parallelo, presentarGli il conto dei costi che sosterremo per stipendiare i circa mille neo-eletti che staranno a mani conserte. Buon lavoro.

  • fghajdk@csj.com 28 maggio 2018

    FDI E LEGA DEVONO CREARE UN FRONTE NAZIONALE ALLA LE PEN. MOLLARE BERLUSCA E I SUOI INCIUCI CON RENZI CHE CI HANNO PORTATO A QUESTA IMMONDA LEGGE ELETTORALE. E’ TEMPO DI METTERE LA PIETRA TOMBALE SU DC E PCI (O COME SI CHIAMANO OGGI) CHE HANNO ROVINATO L’ITALIA IN QUESTI 70 ANNI.

  • levante2008@live.it 28 maggio 2018

    Se fossimo in una repubblica presidenziale, il comportamento del presidente sarebbe stato corretto ; ma in un sistema politico come il nostro,NO!
    Per l’art.92 della Costituzione la nomina dei ministri é prerogativa del capo dello stato “su proposta del presidente del consiglio”, mentre in base all’art.94 il presidente del consiglio si assume la responsabilità del governo di fronte alle camere,che gli votano la fiducia:
    Quindi il problema della fiducia si pone dopo che i ministri sono stati nominati e il consiglio dei ministri costituito.

  • avv.ballicu@katamail.com 28 maggio 2018

    meloni ha ragione, mattarella è andato oltrei suoi poteri è attentato alla costituzione, nonchè alto tradimento perchè lo ha fatto per compiacere potenze straniere, banche straniere e la ue.ora fanno un governo di tecnici plutocratici e non si vota più, berlusconi e renzi daranno fiducia al presidente e al governo chiesto dalla ue e dalla germania

  • pierogalbu@alice.it 28 maggio 2018

    Scusa Meloni. Di che cosa si sta parlando. Mattarella ha solo difeso per quel che gli compete, un defoult ravvicinato del sistema Italia. Il Programma M5S/Lega per alcuni punti, era irrealizzabile vista la nostra situazione economica. Molte spese a debito e pochissime se non niente verso lo sviluppo : vedi no TAV, chiusura dell’ILVA e altre castronate targate M5S che purtroppo Salvini per smania di fare un governo a tutti i costi, a dovuto digerire. A mio parere, lui stesso ne era cosciente e visto il consenso ottenuto, l’obbiettivo era tornare al più presto alle urne per ottenere un mandato pieno dal popolo Italiano con il centrodestra unito. Pertanto prepariamoci meglio per settembre e portiamo la gente a votare.

    • GENNARO TERMINE 28 maggio 2018

      PIERINO, NOME OMEN, TACI STUPIDONE !!!!!!!!!!!!!!!!!

  • peppa68@gmai.com 28 maggio 2018

    Mattarella è un traditore del popolo italiano!!!!!!!!!!!!!!

  • gabrielepellegrini654@gmail.com 28 maggio 2018

    …pienamente d’accordo, questo “pupo” non può essere a capo di una nazione!

  • Giuseppe Forconi 28 maggio 2018

    Beata l’anima di mio nonno, diceva sempre, non c’e’cosa al mondo piu’ sporca della “POLITICA” ed e’ vero, altro che inciucio questa e’ melma malsana. Purtroppo noi ci siamo dentro e non so’ se ne usciremo vivi. La colpa non e’ la loro, la colpa e’ nostra, solo nostra che li abbiamo votati. Ho perso la fiducia in loro, meno che nel mio cane, lui mi rispetta perche’ sa’ che sono il suo padrone.

  • maugiannotti@gmail.com 28 maggio 2018

    Qualcuno davvero poteva pensare che il sig. Mattarella potesse essere diverso dalla sequela dei vari Scalfaro, Ciampi, Napolitano che lo hanno preceduto?? E’ chiaro come il sole che i catto comunisti, anche se perdono le elezioni, pretendono comunque di stare al governo!!!!

  • donato.ladik50@gmail.com 28 maggio 2018

    “Chi troppo vuole, nulla stringe”: mi dispiace, i 5 stelle avessero formato il governo con tutto il centro destra, a quest’ ora si andava tutti a gonfie vele. Il destino è uguale per tutti, anche per i governi.

  • maurizio_turoli@yahoo.it 28 maggio 2018

    Concordo “toto corde” con l’on. Meloni.
    Purtroppo il goeverno Cottarella otterrà lafiducia parlamentare grazie ad una maggioranza formata da PD Forza Italia, groppuscoli sinistri var e da quei parlametari pentastellati e leghisti che temono di perdere la poltrona nel ritorno al voto.
    Il popolo italiano ancora una vota è sbeffeggiato e sempre iù invitato a non votare.
    La demotivazione alla partecipazione nei seggi elettorali (dirirro-dovere, sancito dalla Costitutzione) è la garanzia del perdutare di un potere che tutala grandi gruppi industriali, bnche e organizzazioni pseudo umanitarie che fanno utili sulla pelle dei disperati.

  • sergio la terza 28 maggio 2018

    La Meloni stà prendendo una cazzata. L’art.90 non è stato richiesto per Napolitano ora lo si chiede per Mattarella che è stato fonte di critica da parte della Meloni.attenzione
    ..Mattarella è il capo delle Ff.Aaron.

  • Info@cloudisque.it 28 maggio 2018

    Anche se su certe cose non sono d’accordo co Mattarella in questo caso è ineccepibile l a sua decisione….. Non mi sembra il caso di una azione non consona alle regole della Costituzione

    • algugli@hotmail.it 28 maggio 2018

      Leggi e capisci e rifletti sull’art.92 della Costituzione e dimmi dov’è la prerogativa del capo dello stato di scegliere presidente e ministri, salvo l’eccezione che uno di questi non rispetti la volontà popolare. Ma dove vivete in Burundi?

  • gillimalli@hotmail.com 28 maggio 2018

    Mozzarella—ops volevo dire mattarella-va ben oltre le sue possibilità. Inaccettabile che cerchi di insabbiare, anzi seppellire di brutto, le volontà chiaramente espresse dagli italiani alle votazioni del 4 marzo. Se arriveremo a nuove votazioni, sarà lui ad essere ampiamente e ancor più insabbiato…Mozzarella a casa.

  • Manzoni.andrea@alice.it 28 maggio 2018

    Vergogna il Presidente della Repubblica comunista è riuscito a bloccare un governo votato dal popolo.
    Dopo 4 governi non votati dal popolo ne avremo uno ancora non votato.
    Vergogna Mattarella vattene

  • giulioarditi@libero.it 28 maggio 2018

    Meloni, sei impazzita anche tu? Voi casta strapagata smettete di fare i bulletti arrabbiati? quando inizierete a parlare come dirigenti responsabili? Chi conosce Savona, chi l’ha votato? I trattati fondativi dell’euro sono sbagliati, allora cerchiamo chi lo affermava già 25 anni fa, non chi contribuiva a definirli! Che ti frega che Savona fosse o meno in un governo cui dicevi di votare contro? Credi che litigare col Presidente sia il modo migliore per realizzare il programma per cui ti sei stata votata? Perché ti schieri con M5S? Se tu urli in questo modo per una poltrona, cosa dovrebbero dire e fare quelli che perdono il posto di lavoro? State trasformando l’Italia in una giungla.

    • algugli@hotmail.it 28 maggio 2018

      Quelli che la pensano come te la stanno trasformando in fogna

  • Leonardo.corso@bluewin.ch 28 maggio 2018

    L‘avevano capito che anche lui é un sinistrato.io l‘ho sempre detto la Germania non ha vinto la seconda guerra mondiale connle armi ,ma ha messo politicanente e economicamente sotto di lei tutta l‘Europa . Basta vedere l‘amici Di Grasso Boldrini e Mattarella . In Italia non cambierà mai niente

    • ydobrovic@yahoo.com 28 maggio 2018

      Si La Meloni è strana;la costituzione tra l’altro dice che il presidente nomina su proposta;non dice ratifica su proposta.Il presidente incaricato propone ma non nomina.tra l’altro il presidente del consiglio non può mandare via un ministro a riprova che non è lui a nominarlo ma solo proporlo.Figuriamoci che sarebbe successo con Savona una volta ministro.Conte non avrebbe potuto fare più niente per dimissionarlo, se non far cadere tutto il governo.Ma questi sono ignoranti in materia.

  • Roccoangela60@yahoo.it 28 maggio 2018

    Mattarella come Napolitano,due presidenti di sinistra che hanno fatto di tutto per non far andare il centrodestra al governo e Mattarella non ha voluto il governo del cambiamento,dovremo continuare ad essere schiavi dell’Europa e dell’euro, è inutile andare a votare se un presidente della Repubblica disfa cioè che non gli piace,eravamo reduci da un governo tecnico,abbiamo votato e due forze politiche si erano alleate con un contratto per fare il bene dell’Italia…e invece il capo dello stato ha stoppato tutto.In Italia ormai dobbiamo rassegnarci o a governi di sinistra o governi tecnici…altri governi vengono fermati con ogni mezzo…

  • 3nzosk@gmail.com 28 maggio 2018

    L’impeachment mi sembra più teorico che pratico, invece la maggioranza deve sfiduciare assolutamente il governo Cottarelli per tornare alle elezioni prima possibile. Bisogna inoltre impedire che il governo uscente dia qualche altra fregatura agli italiani. E’ incredibile che la volontà popolare debba essere condizionata dai mercati.

  • dhyanraj@hotmail.com 28 maggio 2018

    Bravissima!

  • ydobrovic@yahoo.com 28 maggio 2018

    Andiamo Meloni, ti metti con Di Maio.Tanto non ti vogliono al governo.Salvini ha capito che il contratto era irrealizzabile e visto l’aumento di consenso ha deciso di darsi alle urne.Ma alle prossime elezioni tu e Salvini non sperate nelle tv del Berlusca.Non vi manderanno mai in onda.

  • cruisinfloatin@aol.com 28 maggio 2018

    Esattamente giusto! IMPEACHMENT del traditore. E poi gli arresti. Viva l’Italia libera e sovrana!

  • Roberto Bello 28 maggio 2018

    E’ una cosa seria che va fatta seriamente. Non è dimostrabile che abbia agito al soldo di interessi stranieri (anche se è così, ci sono persone che invece di combattere scelgono di chinarsi, quei caratteri, credono che l’unico modo di fare il bene della Nazione sia chinarsi ancor di più).
    Tuttavia, indipendentemente da ciò, il fatto stesso che il PdR abbia rifiutato Savona per le sue opinioni sull’euro e la politica che avrebbe potuto voler perseguire violano la Costituzione per la quale l’indirizzo politico è dato dal Parlamento (unico vero SOVRANO) e non da lui. Tanto basta! Attentato alla Costituzione.
    Questa cosa si studi bene, con l’aiuto di persone VERAMENTE competenti e, se ci sono gli estremi legali, si porti FINO IN FONDO.
    In ogni caso, a mio modesto parere, è già un successo per il Parlamento che dopo decenni di prevaricazione del Parlamento da parte dei vari PdR succedutosi, questa volta, anche grazie al punto fermo tenuto da Salvini, questa cosa sia venuta alla luce del sole. E’ da troppo tempo che il popolo è abituato a credere che il PdR possa fare e disfare!

  • marco eletti 28 maggio 2018

    si mettano insieme lega m5s FDI e li faremo fuori tutti.

  • Marco@libero.it 27 maggio 2018

    Oggi Abbiamo assistito ad un discorso farsa. Si è ricordato del popolo italiano perchè gli serve tutelare la sua scelta.
    Sono 15 anni che il popolo italiano è in difficoltá ma se ne accorto solo oggi. Ben detto Giorgia

    • ing.cuicchi@gmail.com 28 maggio 2018

      Hai ragione, sarebbero una bella coppia, degna del nostro Paese, però FDI il mio voto e quello della mia famiglia lo vedrà solo nel sogno.

  • 27 maggio 2018

    Vi avevo avvertito!!! Mattarella e contro il vostro partito politico….

  • antonio.bellucci@inwind.it 27 maggio 2018

    Grazie