“Mamma sta male, devo assentarmi”. E il dipendente pubblico scappava a Dubai

mercoledì 16 maggio 15:07 - di Redazione

“Ho mamma malata, ho bisogno di un permesso per starle vicino…”. Ma il dipendente pubblico di una scuola di Erba infilava direttamente le porte dell’agenzia di viaggi, dopo aver ottenuto i benefici della legge “104” per l’assistenza di parenti malati o handicappati, per scappare all’estero su spiagge da sogno, in genere negli Emirati Arabi, a Dubai. La Compagnia delle Fiamme Gialle di Erba dopo lunghe indagini ha segnalato alla Procura della Repubblica di Como l’uomo che faceva un uso improprio dei benefici di legge, denunciato poi per truffa aggravata ai danni dello Stato. Permessi, “104”, congedi straordinari goduti proprio in un periodo in cui era assente dal lavoro beneficiando della legge 104. Facile per le Fiamme Gialle effettuare controlli incrociati con biglietti aerei e prenotazioni di hotel di lusso con pacchetti vacanze. Il contrasto all’indebito utilizzo delle agevolazioni concesse ai lavoratori che si fanno carico dell’assistenza a parenti disabili sta diventando un’attività sempre più intensa e coronata di risultati da parte della  Guardia di Finanza.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Laura Prosperini 16 maggio 2018

    bene, ci sono le norme apposito ed in questo caso sono state applicate anche tempestivamente,
    non vedo perchè si debbano colpevolizzare migliaia di onesti lavoratori (pubblici) a fronte di pochi (in %) sciagurati, fortunatamente, in Italia, malgrado qualche straniero la pensi diversamente, il nostro dettato normativo prevede questo tipo di reato/truffa e chi sbaglia è giusto che paghi in proporzione al danno procurato.