Madrid avverte la Catalogna: guai se porterete avanti la secessione

Madrid promette di vigilare perché il nuovo governo regionale catalano non crei strutture parallele per portare avanti la sfida secessionista. Il primo ministro Mariano Rajoy, informa un comunicato della Moncloa, ha raggiunto un accordo con il leader socialista Pedro Sanchez per difendere “l’ordine costituzionale” in Catalogna e offrire una risposta congiunta “di fronte a qualsiasi eventuale sfida” secessionista. in particolare viene sottolineato l’impegno a vigilare sui conti pubblici regionali, per evitarne l’uso improprio a fini illegali. E non si esclude di poter far di nuovo uso dell’articolo 155, in modo che il governo centrale riprenda ad amministrare direttamente la regione. I due leader politici respingono congiuntamente “ogni tentativo di porre in funzione strutture politiche diverse” da quelle previste dalla legge. “Esistono una sola legittimità e legalità, non permetteremo che esistano strutture parallele”, ha dichiarato Sanchez.

Nel comunicato governo spagnolo e partito socialista ricordano anche le manifestazioni…

Per continuare a leggere l'articolo Abbonati o Accedi