M5S-Lega, c’è il contratto: 40 pagine. Non si esce dall’euro, “rivisti” i vaccini

In serata l’annuncio tanto atteso da grillini e leghisti. Il contratto di governo M5S-Lega è stato chiuso, fa sapere Rocco Casalino, capo della comunicazione M5S. “Ci sono stati degli applausi alla fine e ci siamo tutti abbracciati”, ha detto, spiegando che il programma è costituito da oltre 40 pagine e 22 punti. Non c’è più la parte relativa all’uscita dall’euro ma ci sarebbe la parte relativa alla revisione dei vaccini obbligatori, oltre ai riferimenti alla flat tax e al reddito di cittadinanza.

Ora la partita si gioca sul fronte della premiership. “C’è accordo su taglio dei vitalizi, delle pensioni d’oro e degli sprechi”, ha sottolineato Casalino. Copie del contratto saranno consegnate nelle prossime ore a Luigi Di Maio e Matteo Salvini nelle prossime ore per la firma. I due avranno l’ultima parola sui punti in sospeso. Non è escluso che Di Maio e Salvini si stiano incontrando adesso. Resta il mistero sul premier, che al momento è una figura fantasma anche se nelle ultime ore si è fatto il nome del grillino Alfonso Bonafede, che non conferma: “Siamo orgogliosi e soddisfatti perché in 6 giorni abbiamo fatto un lavoro enorme su un contratto di governo molto ambizioso”.