La Raggi alle rondini: «Al mio segnale scatenate l’inferno mangiando zanzare»

mercoledì 30 maggio 10:49 - di Fulvio Carro

Sono già tutti in fila, pronti a scrivere un libro di barzellette su Virginia Raggi. La sindaca (o presunta tale) di Roma ne sforna una alla settimana. È passata dai fantasmagorici progetti sulle funivie all’incapacità di riparare una sola buca della Capitale, dal ritorno dell’Impero alla chiamata alle armi delle pecore per tagliare l’erba nei parchi e nelle ville storiche. Sulle voragini ha trovato la soluzione: le circonda di transenne e rimane tutto là, per settimane e settimane. Ma anche questo è positivo, perché quelle voragini vengono immortalate dai flash dei turisti, che le fotografano come se fossero il Colosseo o l’Altare della Patria. Nella zona Est della città, per riparare un ponticello, ha bloccato due quartieri per settimane, facendo esplodere la rabbia dei residenti. E ora si procede col semaforo. Ottima idea, fermi al rosso si possono ammirare i campi. Ma la Raggi non si ferma qui, ha un altro progetto rivoluzionario per risolvere il problema delle zanzare: ma quale disinfestazione, al suo segnale vanno scatenate le rondini. In un’ordinanza firmata dalla sindaca – e riportata dal Messaggero – si adottano «misure urgenti» per la tutela della «biodiversità in ambito cittadino» e di attività necessarie per «difendere le rondini» e altre specie della stessa famiglia come i rondoni, i balestrucci e i topini. Ma non è amore per gli animali, il suo. Ha solo saputo che le rondini mangiano soprattutto zanzare e mosche. Visto che la disinfestazione è un’ardua impresa per un Campidoglio incapace di muovere un dito, meglio affidarsi alle rondini, che riescono a inghiottire circa seimila insetti al giorno. Quindi, divieto assoluto di distruggere i nidi. Qualcuno dovrebbe però ricordarle che questo divieto esiste già, E soprattutto che le rondini – nonostante l’invivibilità della Capitale, le buche, gli autobus che prendono fuoco, le metro zeppe – sono tornate a Roma in pompa magna. Come fanno da sempre. Costruendo i nidi negli stessi posti in cui li avevano costruiti l’anno prima. E mangiando zanzare come l’anno prima.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Mcoluccia@ymail.com 3 giugno 2018

    Nel terzo Municipio il negozio Raggi, a dire del proprietario zio della Raggi, ha davanti buche e fontanella che sgorga acqua potabile, almeno qualche tempo fa. Io a mie spese coprii una buca davanti al mio posto di lavoro. Pigri!

  • laurabovati@yahoo.it 31 maggio 2018

    … i romani l’hanno scelta! Errare è umano, perseverare è diabolico recita un detto latino. La prossima volta ricordate bene l’operato dei grillini che dove hanno preso il potere han fatto solo danni. Vedi Torino

    • aiwafoxtrot@gmail.com 31 maggio 2018

      Mi elenchi i DANNI, sia a Roma e Torino, poi i danni della sua parte politica nelle medesime città. Grazie

  • amerigo.lori@alice.it 31 maggio 2018

    Avrei un’idea migliore: catturiamo un certo numero di zanzare femmine, installando sulla loro schiena una carica esplosiva con un detonatore a pressione, una volta che i maschi libertini (Weinstein etc.) salteranno sulla schiena delle femmine, il peso del Weinstein di turno provocherà l’esplosione della carica e lo sterminio di femmine peccatrici, maschi violentatori e uova fecondate: che ne pensate? Ritengo che la cosa potrà essere applicata anche ad Asia Argento & kompagnia bella, no?

  • alfonso.deblasio@hotmail.it 31 maggio 2018

    La raggi è e resterà il peggior sindaco della storia di Roma, del passato e del futuro. Non credevo che l’ex sindaco marino sarebbe stato superato. Ma la raggi vuole essere in testa e ci è riuscita. Dopo aver visto in opera la raggi, ad Ostia hanno dato il voto ancora al suo partito per un altro sindaco 5 stelle. Bravi!!!!!!!!

  • fablomovip@libero.it 31 maggio 2018

    Ancora c’e qualcuno che difende la Raggi e tutto il movimento , ma ci rendiamo conto quanto i sinistroidi siano persone lente nel capire ?

  • liberi@datutto.it 30 maggio 2018

    complimenti…articolo di alto spessore…. quasi quasi da premio… mi dovrebbe anche dire da chi e’ sponsorizzato… tanto nell’italia di oggi…tutti al soldo di qualcuno…. e non dica che non e’ vero…che non ci crede nessuno….ridicolo

  • Giuseppe Tolu 30 maggio 2018

    Arriva il caldo, credo abbia bisogno di qualche sombrero tipo messicano, modello da siesta, probabile riesca a riparare la sua testolina dal sole