La Casbah a Roma: a Prima Porta tra kebab con parassiti, clandestini e lavoratori in nero

giovedì 17 maggio 9:53 - di Redazione

Alimenti nocivi e dipendenti al nero: hanno trovato davvero di tutto un po’ i Carabinieri della Compagnia Roma Cassia, in collaborazione con i Carabinieri del Nas e del Nil mentre, nella giornata di ieri, erano impegnati in un’attività di controllo di almeno 5 attività commerciali, tra bar e ristoranti, del quartiere di Prima Porta. E tra irregolarità  in materia sanitaria e di lavoro, mentre si controllavano registri e scaffali, è sbucato pure il kebab con parassiti

Dal kebab coi parassiti ai dipendenti in nero…

Alimenti avariati, kebab con parassiti, dipendenti irregolari e gravi infrazioni sanitarie e giuslavoristiche: una mappa dell’illegalità che ha fissato nel quartiere periferico della capitale alcuni centri nevralgici evidenziati in rosso dall’ultimo controllo serrato eseguito dai carabinieri. E allora, un negozio che vende kebab è stato sequestrato a causa di numerosi alimenti trovati in cattivo stato di conservazione, invasi da parassiti e il proprietario è stato denunciato. Ad un’osteria/bar sono stati trovati quattro dipendenti privi di contratti lavorativi e riscontrate violazioni in materia di sicurezza alimentare. Una pasticceria ed un negozio che vende prodotti alimentari etnici sono stati multati per un totale di circa 25.000 euro. Durante le attività è stato denunciato anche un cittadino straniero poiché inottemperante all’ordine di lasciare il territorio nazionale nei termini previsti dalla legge. Insomma una casbah ai margini di Roma…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • fghajdk@csj.com 17 maggio 2018

    importiamo terzo mondo… questo è il risultato: diventiamo terzo mondo. Comunque mi diverte sapere che chi mangia kebab si intossica… peggio per loro. La prossima volta vatti a fare una carbonara, che è meglio