Grande Fratello, nuove pesanti accuse: avete sfruttato la fragilità di Nina Moric

Ha suscitato forti critiche l’ultima puntata del Grande Fratello. Più forti, s’intende, di quelle emerse fin qui da più parti e sintetizzate nella richiesta del Codacons di chiudere il programma, ormai arrivato al rango di «circo degli orrori». Pubblico social e critici tv si sono scatenati in una ridda di commenti a metà strada tra l’assise di sociologi e il pubblico dei combattimenti illegali. Niente e nessuno è rimasto illeso: scelte autorali, concorrenti, conduzione, ospiti in studio. Soprattutto questi ultimi hanno rappresentato il catalizzatore di tutte le attenzioni, poiché la loro presenza ha portato ancora un po’ più su (o più giù) l’asticella di quel trash che ha caratterizzato questa edizione del programma, «la più vista di tutti i tempi», come rivendicato più volte dalla padrona di casa (o della casa) Barbara D’Urso.

È stata la puntata delle coppie scoppiate, con Stefania Pezzopane e Nina Moric che sono state invitate a incontrare nei locali blindati della casa i rispettivi fidanzati: Simone Coccia e Luigi Favoloso, quest’ultimo a onor di cronaca ormai “ex”, essendo stato lasciato in diretta tv la scorsa settimana. E se la deputata Pd Pezzopane, da politica  navigata, tutto sommato se l’è cavata confermando l’amore per il suo giovane Simone, per Nina Moric è stata più dura. La modella è apparsa visibilmente provata e, soprattutto nel faccia a faccia con Favoloso, preda di emozioni contrastanti che le è stato difficile dominare. L’incontro si è così trasformato in una confessione sconclusionata di drammi personalissimi. Vicende di vita autentiche, sulle quali magari qualcuno contava per arricchire una sceneggiatura stanchissima. Se c’erano aspettative in questo senso, non sono rimaste deluse: il pubblico italiano ha appreso in diretta tv non solo che la Moric soffre tremendamente per la lontananza dal figlio Carlos, avuto con Fabrizio Corona (cosa nota), ma anche che ha vissuto un aborto spontaneo di un altro figlio, concepito proprio con Favoloso (cosa finora sconosciuta).

Il web non ha avuto pietà e anche fra i critici c’è stato chi non ha risparmiato vetriolo a una donna di cui, comunque, in molti hanno riconosciuto la fragilità. Qualche puntata fa il programma ha espulso un concorrente che aveva ecceduto nei confronti di una “coinquilina”, sostanzialmente motivando la scelta con il fatto che non potevano essere tollerati atti di bullismo e gravi forme di disprezzo nei confronti di una donna come quelle che erano state manifestate. Ma cos’è il bullismo se non l’approfittare della debolezza di soggetti più fragili di noi per farne pupazzi da mettere in mezzo? Quando la puntata è iniziata Luigi Favoloso era già stato espulso dalla casa per aver scritto su una maglietta una frase sessista contro Selvaggia Lucarelli («Selvaggia suca») che Barbara D’Urso si è rifiutata di ripetere: uno slancio di moralismo in un contesto altrimenti tutto pornografico. Al momento del loro incontro né Luigi Favoloso né Nina Moric lo sapevano, ma Barbara D’Urso e gli autori sì. Solo una cosa, dunque, giustifica l’aver dato quella spintarella alla Moric perché si buttasse così in pasto al pubblico: lo share. Tatticamente ha funzionato: il Grande Fratello ha fatto il 24,9%. Strategicamente, però, la scelta potrebbe rivelarsi un boomerang: Barbara D’Urso potrebbe passare alla storia (si fa per dire) della tv come la conduttrice del Grande Fratello che ha fatto più ascolti, ma anche come quella che lo ha accompagnato alla chiusura definitiva.