Governo, vertice Salvini-Di Maio. Il Colle: «Hanno chiesto 24 ore per chiudere l’accordo»

Ancora 24 ore. È quanto hanno chiesto Matteo Salvini e Luigi Di Maio al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. A riferirlo è stata una nota del Quirinale, spiegando che «è in corso un confronto per pervenire a un possibile accordo di governo e che per sviluppare questo confronto» serve, appunto, ancora una giornata. Dunque, la trattativa non solo va avanti, ma, secondo quanto fanno trapelare fonti della Lega, l’intesa sarebbe a portata di mano. «La diamo al 75%», spiega un autorevole esponente leghista, mentre dal M5S confermano che «stiamo trattando».

In mattinata erano arrivati diversi segnali sul fatto che qualcosa si stesse muovendo, ma è stata la notizia di un incontro in corso tra Salvini e Di Maio a confermare che non si trattava di boutade senza fondamento. Intanto c’era stato quell’ultimo appello di Salvini a M5s e Forza Italia, con la confessione di non aver perso del tutto le speranze e la rassicurazione sul fatto che ci avrebbe provato fino all’ultimo. Poi le indiscrezioni sulla volontà di molti Cinquestelle, Di Maio in testa, di continuare a trattare, nonostante le dichiarazioni pubbliche sul ritorno alle urne. Infine, i primi spifferi, arrivati da più parti sul fatto che vi potesse essere qualche sorpresa in vista.

«Io sono ottimista, rimango ottimista e il mio auspicio è che una soluzione politica in queste ore venga trovata», aveva detto il deputato leghista Guido Guidesi, intervenendo all’assemblea annuale di Rete Imprese Italia. Nella stessa sede era stato poi il grillino Lorenzo Fioramonti a parlare di «una sorpresa» che, «chissà», sarebbe potuta uscire «in queste ore». Segnali captati anche in casa Pd, da dove il vicepresidente della Camera Ettore Rosato ha fatto sapere che «a me arrivano notizie interessanti», precisando però che «devono darle loro», alludendo chiaramente a Movimento 5Stelle e Lega, anche perché «non arrivano da Forza Italia». Dunque, ormai sembra che l’accordo sia davvero possibile. Resta da capire, però, entro quali termini. Non bisognerà attendere a lungo: anche se il Quirinale ha concesso 24 ore, c’è chi, come il leghista Guidesi pronostica notizie per «metà pomeriggio».