Di Maio: «Niente tecnici. Governo politico con la Lega o subito alle urne» (video)

lunedì 7 maggio 11:16 - DI Elsa Corsini

Indisponibili a un governo tecnico (del presidente, di tregua…)., contratto con la Lega e nessuna paura delle urne. Luigi Di Maio, al termine delle consultazioni con il presidente della Repubblica, conferma i “paletti” del movimento 5Stelle per uscire dall’impasse e ribadisce le novità annunciate domenica dai microfoni di In mezz’ora con Lucia Annunziata, la disponibilità a fare un passo di lato e concordare con Matteo Salvini un presidente del Consiglio “terzo”.

Di Maio: contratto con la Lega o le urne

Irremobivile il no a qualsiasi governo tecnico, senza un esecutivo politico per Di Maio si deve tornate al voto («siamo gli ultimi ad avere paura delle elezioni»). «L’ho detto chiaramente – aggiunge il leader grillino –  ma la Lega lo sapeva già, che sono disponibile a scegliere un premier terzo con Salvini, su un programma. Sono condizioni che ho posto ieri. Io non sono mai stato un impedimento alla firma del contratto di governo». Da alcune fonti si è saputo di una telefonata fra Di Maio e Salvini prima del vertice di centrodestra a palazzo Grazioli. Sul profilo del possibile premier Di Maio non si sbilancia, ma esclude chiaramente figure istituzionali come la seconda carica dell0 Stato, Elisabetta Casellati, un nome circolato in questi giorni. «Chi ha incarichi istituzionali è bene che rimanga dov’è», taglia corto Di Maio. Sull’aumento dell’Iva, invece, il leader 5Stelle conferma la disponibilità a votare una manovrina per scongiurarlo. «Legge elettorale? Per me il ballottaggio lo faranno alle elezioni gli italiani. Ribadisco, comunque, che voglio un governo politico, non tecnico». Ma quali sono le condizioni minime per chiudere l’alleanza con Salvini? E quale dovrebbe essere il ruolo di Silvio Berlusconi? «Abbiamo detto le nostre condizioni che vogliamo sottoscrivere con la Lega. Condizioni programmatiche: legge anticorruzione, reddito di cittadinanza e abolizione della legge Fornero. Quello che decide il centrodestra non ci riguarda…». Un’apertura velata alla presenza (magari non troppo vistosa) del Cavaliere?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • 7 maggio 2018

    L’utile idiota che fino ad ora ha fatto perdere 60 gg……a noi italiani, ma ha già fatto guadagnare due lauti stipendi ai suoi nullafacenti, quando si dice la manna dal cielo