Clamoroso Di Battista: “Contro di noi la congiura dello spread che affossò Berlusconi”

mercoledì 16 maggio 19:10 - di Redazione

Nel giorno in cui i mercati “fanno sapere” di non gradire il programma economico del possibile governo M5S-Lega, ammesso che i registi occulti non stiano nei palazzi della politica e non nelle borse, perfino il più irriducibile dei pasdaran anti-berlusconiani, Alessandro Di Battista, paragona la situazione a quella che nel 2012 affossò il governo Berlusconi. Con l’arma dello spread, anche oggi sventolata come minaccia da ambienti europei politici e finanziari per spaventare grillini e leghisti sull’ipotesi di possibili governi anti-europeisti.

“A quanto pare i fantomatici mercati sono tornati a farsi sentire. Eppure non aprivano bocca quando si massacravano i lavoratori, si tagliavano le pensioni, si regalavano denari pubblici alle banche private o si smantellava, lentamente ma inesorabilmente, lo stato sociale nei paesi di mezza Europa”, ha scritto su Facebook il “Diba”. Per poi “difendere”, clamorosamente, il governo Berlusconi dalla congiura dello spread che costrinse il Cavaliere a dimettersi. “Sapete quel che penso di Berlusconi – scrive Di Battista – ma una cosa la voglio dire: l’ultimo governo Berlusconi – un governo per me pessimo – è stato l’ultimo governo nato da un voto popolare. E più che gli scandali di B. è stata la congiura dello spread ad averlo abbattuto. Oggi “i potenti senza volto” hanno superato loro stessi. Cercano di buttare giù un governo non ancora nato il quale, proprio per questo, ha il dovere di nascere. E’ il momento del coraggio dunque, del rispetto della sovranità popolare, nessuna distrazione e avanti tutta!”, conclude l’esponente dei Cinquestelle, nelle ore in cui arrivavano catastrofici annunci su crolli delle borse e spread schizzati in alto.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • maurocollavini@libero.it 18 maggio 2018

    Era ora che anche DI battista dicesse le cose come stanno; La verità èche il mondo dopo mla ii^ guerra mondiale mantiene, con il proprio lavoro e molte volte con la povertà degli stessi lavoratori, una massa di fancazzisti, buoni solo a parlare per dire cazzate e super pagati servi dei ricchi.

  • baronegianfranco@virgilio.it 17 maggio 2018

    Il Gruppo Bilderberg (detto anche conferenza Bilderberg o club Bilderberg) è un incontro annuale per inviti, non ufficiale, di circa 130 partecipanti, approfondite cari Signori, approfondite……

  • fdesalvo@aconet.it 17 maggio 2018

    Berlusconi aveva avuto il coraggio di porre il veto al fiscal compact, che è la base dell’austerità impostaci dai tedeschi e dei nostri guai, aumentati da Monti che ha firmato il fiscal compact. I “poteri forti” avevano reagito con le loro armi di spread. Quelli che ora si lamentano invece di appoggiarlo avevano aiutato la congiura Merkel -Napolitano -Fini per farlo fuori.
    Chi è causa del suo mal pianga se stesso.
    Ora Di maio e Salvini abbaiano, ma non hanno la forza di mordere. Anche se Mattarella li lasciasse andare al governo, in breve tempo fallirebbero.
    La vera soluzione sarebbe di mandare al governo Berlusconi, perché dall’Europa non potrebbero farlo fuori una seconda volta. E lui proponeva di trattare per cambiare le regole europee, ma senza urlare come Di Maio e Salvini perché avrebbe la capacità di farlo. Can che non abbaia morde. Solo che dall’Italia non lo tradiscano.
    Quanto a Di Battista, mediti che dopo 3 anni di crisi (2008-2011) Berlusconi era riuscito a mantenere la disoccupazione all’8% contro l’11 dell’Europa. Aveva creato quasi 30.000 posti di lavoro reali (non di pubblica utilità) e non ha mai licenziato nessuno. Fatti e non parole.

  • Laura Prosperini 17 maggio 2018

    Angela e Massimiliano sono d’accordo con voi!
    Gli usurai avversano questo Governo (Italiano anche se un po sbiadito) bene!!! vuol dire che stiamo camminando nella giusta direzione!!!
    Certo avremmo preferito correre e non camminare ma almeno sappiamo che la strada imboccata è giusta.
    Sono proprio lor signori (le Banche d’affari straniere) con i loro sgherri a confermarci la giusta direzione con il loro disappunto.
    Basta mangiare con l’Italia, basta banchettare sugli Italiani, i miliardi che ci avete sottratto e pensavate di sottrarci ancora non ci saranno più.
    Nazionalizzare le Banche sarebbe… paradgmatico… per tutto il Mondo e… la storia di alcune famiglie di banchieri che strozzano il mondo forse finirebbe…ma questo è un sogno (il nostro sogno da Destra).
    Piccoli passi (cercando di aumentarli) verso l’Italia!!!

  • fornaromario@libero.it 17 maggio 2018

    Approvo l’idea di Massimiliano di Saint Just: 1- Banca d’Italia nazionalizzata, o, se è complicato, crearne una ex novo (es. Banca di Stato) e stampare moneta nostra usabile in Italia, imposta dal Governo e accettata dai cittadini per ogni uso.2-Se persiste l’attacco Spread, Borsa italiana sospesa in stand by fino a nuovo ordine (gli speculatori su titoli e monete vadano a speculare su altre Borse nel mondo. Il già Ministro Tremonti ha scritto che la Borsa è una bisca: o cambiamo regole o eliminiamola). 3-L’oro italiano -in lingotti- nei forzieri (se c’è ancora, se non è sparito): non essendo più in vigore il Gold Standard (cioè l’oro che garantiva la cartastraccia detta moneta, abolito nel 1971 da Nixon/Usa) è un ‘bene’ senza valore usabile per fare monili. Che ne facciamo di un ‘bene’ senza valore? Mettiamolo sul mercato (comprando ad es. Dollari, Sterline, Franchi Svizzeri) e vendiamolo oppure usiamolo (per chi lo accetta) per saldare il debito in titoli (debito al 132% circa del Prodotto Interno Lordo /Pil, agitato come spauracchio contro l’Italia). Vendendolo e incassando moneta pregiata (citata) paghiamo il debito. Chissà se questa idea è troppo semplice per essere presa in considerazione (chiederò all’economista Marco Cattaneo i pro e i contro).

    • depalma.aurora@libero.it 17 maggio 2018

      nn sono economista, ma ragionando dico che hai ragione. mario Fornaro.

  • Roccoangela60@yahoo.it 17 maggio 2018

    Io che non sono una pentastellata,do ragione a Di Battista e a tutti quelli che hanno capito quali armi subdole usa la UE per affossare governi non graditi a Bruxelles,siamo in mano ad un regime europeo che fa paura, l’eliminazione totale di ogni governo che non si pieghi alla volontà della UE…molti Paesi europei stanno male ,hanno perso la loro sovranità,la loro economia,la dignità,soffrono la fame e le ingiustizie,e ogni lamentela viene soffocata sul nascere,ammiro la Gran Bretagna che ha avuto il coraggio di uscire da questa Europa matrigna ed oggi,anche se nessuno lo ammette,va a gonfie vele,ma perché noi Italiani dobbiamo essere sottomessi?perché non abbiamo un partito che abbia il coraggio di farci uscire da questa gabbia che ci sta stritolando?la Gran Bretagna è fuori dall’Europa e non è mai stata nell’euro,si è ripresa la sua Sovranità e la sua dignità…facciamolo anche noi!!!

  • riandree@yahoo.com 17 maggio 2018

    Legittimo contro B e congiura contro il MO VI MENTO? Dibba faccia pace con il suo cervello. E che ci fa ancora in circolazione se aveva detto che si sarebbe ritirato a vita privata? Emblematico dei grullinoidi la cialtronaggine!

  • c.arcabasso12o6@liber.it 17 maggio 2018

    Gli usurai hanno paura, nazionalizzate le banche, chiudete le Borse, si ritorni all’oro ( Gold standard) e non alle banconote fasulle, gli stati commercino e compensino con l’oro o divise auree i loro disavanzi!