Calenda si sveglia partigiano e scrive: “Ora resistenza contro M5s e Salvini”

«L’agenda Salvini/Di Maio è oramai chiara, mira a portare l’Italia fuori dall’Europa e dall’Occidente distruggendo le istituzioni e 70 anni di storia. Bisogna creare un fronte civile di resistenza a questo progetto mobilitando il paese. E non aver paura delle elezioni». Lo scrive su twitter Carlo Calenda alle 7 di sabato mattina con una sollecitudine che in cinque anni da ministro non aveva mai palesato. Il ministro uscente allo Sviluppo economico si sveglia con indosso i panni del partigiano e l’effetto è davvero esilarante. Calenda ribatte perfino a un utente che lo prende in giro sulla questione elezioni e un probabile ennesimo risultato disastroso per il Pd: «Lo vedremo. Io penso che l’Italia è più forte di chi la vuole debole. E voi la volete in ginocchio con il piattino in mano. #mattarellaresisti».

Il tweet di Calenda che evoca la resistenza

Il tweet di Calenda che evoca la resistenza

Storace liquida Calenda: “Non si beve di mattina presto”

Ma su Twitter non si fanno attendere le repliche irridenti. Francesco Storace liquida l’appello all’alba di Calenda con un tweet di sei parole: «Non si beve di mattina presto». Più articolato il commento di Antonio G. «Rispettate l’esito delle elezioni. Lo so che la democrazia è un affare un po’ scomodo, ma provateci almeno». Alessandro osserva: «Bisogna creare un fronte civile di resistenza? Contro chi? Contro gli italiani che hanno votato in massa contro il PD? Rassegnati, la democrazia è bella proprio per questo: una volta si vince e un’altra si perde, e quando si perde la colpa non è degli altri!». Altro tweet, altra bastonata per l’ex ministro: «Calenda adesso che il Pd è stato accompagnato alla porta dagli elettori, parla di fronte civile e di resistenza…. ma a chi tenta di cambiare la rotta del Titanic, o a quelli che hanno distrutto l’Italia?»

“Calenda chiamerà il suo futuro partito Forza Germania?”

A criticare Calenda anche elettori del Pd, che ricordano l’emergenza di ordine pubblico in cui vivono molte città: «Ho letto con interesse la vostra conversazione perché non aveva i toni isterico-apocalittici di altre fra elettori Pd. Ora vi invito a fare un giro nella città in cui abito (Reggio Emilia): zona stazione, centro storico e defunta area fiere-zona industriale. Vedrete che il problema non è di comunicazione». L’appello di Calenda ottiene anche il consiglio esilarante di un utente che si firma Nonno Simpson: «Ho già il nome, chiamatevi Forza Germania».