Anche Michele Santoro avanza pretese: «Voglio entrare nel cda Rai»

mercoledì 9 maggio 9:43 - DI Milena De Sanctis

Michele Santoro ci riprova e si candida per un posto nel cda Rai. «Visto che la Rai ha potenzialità enormi ma il contesto editoriale attuale è inadeguato – ha detto nel corso  della conferenza stampa di presentazione della nuova serie di M, il suo programma che unisce fiction a dibattito e ricostruzione teatrale in studio – ho pensato di fare una cosa: questa volta manderò il mio curriculum a Camera e Senato per candidarmi come membro del cda Rai». Già nel 2012 il giornalista si autocandidò per la direzione generale, insieme a Carlo Freccero (poi consigliere di riferimento del M5s).

Santoro annuncia il suo programma per la Rai

A giugno il Cda avrà finito il suo mandato e dal 30 aprile sono partite le procedure per il rinnovo. Le due Camere di fatto dovranno scegliere alcuni componenti del cda di viale Mazzini come prevede la nuova norma. «Anche se magari non mi sceglieranno mai – ha detto ancora Santoro – io ho un programma preciso per la Rai. La mia idea principale si sviluppa su due punti fondamentali: il primo è che qualsiasi cosa produca il servizio pubblico si deve sapere quanto costa, ma quanto costa davvero per poter fare dei confronti adeguati». Il secondo «è che il 40 per cento della produzione del servizio pubblico deve andare a produttori indipendenti». Santoro ha anticipato anche che in caso di sua elezione smetterà di fare programmi in Rai.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *