Venezia, il sindaco Brugnaro limita la vendita di bevande alcoliche

Niente bevande alcoliche di qualsiasi genere, tipologia e gradazione al di fuori dei luoghi autorizzati alla somministrazione e dei relativi plateatici nei fine settimana da aprile a giugno e dalle 18 alle 8 del giorno successivo a Venezia. Il provvedimento sarà valido in tutto il territorio comunale, mentre, per quanto riguarda la zona di Santa Margherita e altre parti di Venezia, il divieto sarà giornaliero. A volere l’ordinanza, la numero 200/2018, è stato il sindaco Luigi Brugnaro, che ha spiegato come questa ordinanza abbia l’obiettivo specifico di contrastare tour e addii al celibato alcolici che possano disturbare la quiete pubblica: “Un ulteriore segno di attenzione verso Venezia per frenare atteggiamenti degradanti che possano causare gravi ripercussioni alla vita dei residenti e degli ospiti. E’ una città dove ci si può divertire, ma nel rispetto degli altri e delle regole”. Ai trasgressori verranno comminate sanzioni da 25 a 500 euro, con pagamento in misura ridotta fissato a 50 euro, salvo spese di notifica e altri oneri di legge. L’ordinanza sindacale è avvenuta in applicazione della legge n. 48 del 18 aprile 2017 recante “Disposizioni urgenti in materia di sicurezza nelle città”, meglio nota come “decreto Minniti”.Tutti i contenuti dei tre provvedimenti saranno poi recepiti nel nuovo Regolamento di Polizia Urbana, che è in corso di aggiornamento e che sarà discusso in Consiglio Comunale.