Un altro sfregio: immigrato si masturba nel Duomo durante la Messa

Un altro sfregio. Un altro immigrato violento. Un altro, l’ennesimo, schiaffo ai cattolici. Lo straniero si è masturbato all’interno del Duomo di Vicenza e successivamente ha aggredito un poliziotto della Questura, sferrandogli due pugni al volto. A finire in manette, con l’accusa di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e atti osceni in luogo pubblico, è Salesa Casali, 29enne originario del Kenya ora cittadino italiano e residente a Thiene, che già nei mesi scorsi, era stato denunciato sempre per atti osceni all’interno della boutique Zara di Vicenza. Erano da poche passate le 19.30, quando un ragazza di 23 anni entrata nella Cattedrale della città, ha pizzicato il keniano che si masturbava durante la funzione religiosa.

La madre – avvertita dalla giovane- ha immediatamente chiamato il 113. Nonostante gli agenti avessero colto l’uomo ancora con la zip dei pantaloni calata, lui ha negato tutto. Non solo. Durante il viaggio ha dato in escandescenze e ha iniziato a sferrare calci alle porte della volante. Poi, negli uffici di viale Mazzini, ha picchiato un agente. Per lui è scattato l’arresto per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e atti osceni. Deve anche rispondere per non aver rispettato il foglio di via da Vicenza.