***ultim’ora***Aereocisterna italiana sta rifornendo aerei sul cielo giordano

mercoledì 11 aprile 20:00 - DI Giovanni Trotta

A quanto apprendiamo, un’aerocisterna italiana Kc-767 di stanza in Kuwait sta rifornendo sui cieli tra Giordania e Arabia Saudita aerei della coalizione internazionale, non si sa se americani o di altra nazionalità. Il nostro aereo, insieme con altri quattro, si trova in Kuwait per le operazioni in Iraq. Sarebbe interessante sapere il governo italiano cosa ne pensa di questa operazione contro uno Stato sovrano, la Siria, e sapere se gli “alleati” lo hanno almeno avvisato. Senza prove, senza mandato Onu, si sta per consumare un’aggressione che potrebbe causare conseguenze inimmaginabili per il mondo intero. Non riuscendo a sconfiggere il legittimo governo di Bashar el Assad sul campo tramite mercenari jihadisti, ora si tenta di attaccarlo militarmente. Si apprende anche che 11 navi militari presumiibilmente russe stanno abbandonando i porti siriani. Nelle prossime ore se ne saprà di più. Sull’inettitudine deo governo italiano morente sappiamo invece già tutto…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • vscialp@tin.it 12 aprile 2018

    E’ un atto di guerra unilaterale, con l’aggravante di dare l’ennesimo sostegno ai francesi a danno dell’Italia, come già avvenuto con la Libia. Lo scopo è quello di annientare la Siria come stato unitario e sovrano.

  • 12 aprile 2018

    Questa la nostra Italia, ridotta a fare da servetta agli USA
    Per poi scoprire a guerra scoppiata che il Re Hassad nulla centra con gli attacchi chimici……ma sarà troppo tardi,
    convocare subito i vertici militari italiani e chiedere spiegazioni e soprattutto da chi hanno avuto ordini……ordini molto pericolosi che possono compromettere la pace mondiale

  • raffaella_maschio@fastwebnet.it 11 aprile 2018

    Che siano bloccate tutte le attività dei nostri militare nell’area tra Siria Iran Iraq Egitto Giordania Arabia saudita. Tali operazioni non sono per la pace ma hanno lo scopo di fomentare una guerra e chi poi paga tutto ciò

  • giovanna.calu@gmail.com 11 aprile 2018

    Idioti!