Trento, in permesso con la “104” si godeva il sole alle Maldive: arrestata

Chiedeva e otteneva permessi con la “104”, se ne andava al mare, alle Maldive, a godersi il sole, senza alcuna remore. Secondo le accuse della magistratura, ancora da verificare nei termini definitivi, Luisa Zappini, dirigente della Provincia di Trento, responsabile del centro unico delle emergenze, se la svignava con la consapevolezza di non essere beccata. La donna è stata arrestata ed è attualmente agli arresti domiciliari con l’accusa di truffa e peculato. In ben 28 casi avrebbe abusato dei permessi relativi alla legge 104, quella che consente di assentarsi dal lavoro per assistere i familiari, recandosi all’estero per viaggi da sogno, ovviamente in giornata regolarmente retribuitele: Hawaii, Parigi, New York, Maldive, Valle d’Aosta, Sardegna, costiere varie. 

In altre ventidue casi avrebbe invece approfittato dell’auto di servizio per spostamenti privati. Accuse su cui bisognerà fare chiarezza, anche se la diretta interessata, per voce del suo avvocato, ha ammesso alcuni episodi sostenendo però che ci sono stati degli errori ma non l’intenzione di truffare. «Leggerezze», secondo il legale, non trudde, nonostate la dirigente, secondo gli inquirenti della procura di Trento, sarebbe stata colta in fallo 15 giorni in 5 anni, dal 2013 al 2018, ma si valutano in tutto una trentina di possibili violazioni di legge.