Torna il Sessantotto. Mezzo secolo dopo scontri alla Sorbona tra polizia e studenti

venerdì 13 aprile 16:47 - DI Redazione

Nella primavera del 1968 cominciava proprio nel cortile della Sorbona, 50 anni fa, il 3 maggio del 1968, la rivoluzione studentesca, il cosiddetto maggio francese. Centinaia di studenti occupavano il cortile della Sorbona, l’Università di Parigi, dando inizio al fenomeno della contestazione contro i valori della società borghese e contro il principio di autorità. E, mentre si vanno organizzando i convegni rievocativi di quel maggio particolare di mezzo secolo fa, la polizia si è di nuovo scontrata con gli studenti parigini evacuando su richiesta del preside Georges Haddad la storica università parigina della Sorbona occupata per protestare contro la riforma universitaria voluta da Macron.

Un fitto lancio di oggetti, lattine di birra e qualche sasso, si è verificato nel luogo degli storici scontri del maggio Sessantotto, 50 anni fa. Da settimane gli studenti stanno protestando in Francia contro una riforma che, secondo loro, rende più selettivo l’accesso alle facoltà. Sempre ieri, a Montpellier, centinaia di studenti hanno scandito lo slogan «Tutti contro la selezione!» universitaria dinanzi alla sede del rettorato.  Tolbiac e Nanterre sono stati i centri che hanno dato il via  alla battaglia degli studenti contro la riforma dell’accesso allo studio universitario, la “Loi Orientation et réussite des étudiants (Ore)”, che smantellerebbe, a loro avviso, l’intoccabile principio dell’égalité. Più in generale, si tratta di una ribellione contro le politiche liberali di Macron.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *