Terremoto, vergogna senza fine: le casette di Renzi si sono già sbriciolate

martedì 10 aprile 12:26 - di Adriana De Conto

Il terremoto che ha scosso di nuovo le Marche, l’Umbria e le terre già martoriate sta facendo emergere una vergogna assoluta, condita con assurdità, incapacità, inconcludenza. Naturalmente a carico dei precedenti governi Renzi-Gentiloni, al quale si deve lo smantellamento della Protezione Civile, la tentata distruzione della reputazione di Bertolaso e la nomina di due commissari. Risultato: la consegna di alcune casette che alla prima scossa sono state smantellate. Accidenti che risultato. Dobbiamo a un’esclusiva del Giornale se sono state ricevute e diffuse sul sito del quotidiano delle foto inequivocabili. Ribadiamo che contro le scosse di terremoto e lo sciame sismico nessun esecutivo può avere responsabilità di alcun tipo. Ma altre responsabilità sono evidenti, senza se e senza ma. I prefabbricati Sae, per esempio. L’indignazione circola sul web. Sul gruppo Fb “La Salamadra Bolzano-Gruppo Protezione Civile si legge: «Le prime casette SAE sono state inaugurate il 25 ottobre 2017, le ultime sono arrivate il 28 febbraio. Con una scossa di terremoto di poco più del 4, il risultato è questo. Casette costruite in zone sismiche senza alcuna accortezza, con muretti di contenimento che crollano e pensili fissati tanto per dire di averli messi. Ad oltre un anno e mezzo dal terremoto, questa la cura riservata ai nostri terremotati: casette sulle quali tutti hanno speculato e già gli interni a pezzi con scosse di magnitudo non particolarmente intense.

Consegnate dallo Stato e dalle Regioni, Renzi e i due commissari Errani prima, De Micheli poi si erano impegnati a dare un tetto agli sfollati. Queste casette – prefabbricati a schiera di 15 metri quadri l’uno –  si sono rivelate del tutto inadeguate. E questo non è colpa del destino e della fatalità degli eventi naturali. Due fotografie, che il Giornale ha ricevuto mostra due Sae nel maceratese, con cucine divelte, pensili crollati,  vetri divelti. Insomma, una vergogna. L’inadeguatezza delle casette era stata segnalata, così come ai tempi di Burian non mancò chi avesse avvertito che queste casette non sono adatte al clima. Alcuni boiler erano stato montati  sul tetto ed esposti al gelo. Adesso quelle foto fanno davvero infuriare.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • 11 aprile 2018

    Ma che vi aspettavate da Mr. Tennis!!! Credere a Renzi e come credere alle favole…