Sarebbe morto il generale Haftar, uomo forte della Libia amico di Putin

Il generale libico Khalifa Haftar, comandante delle forze armate che fanno capo al Parlamento di Tobruk, sarebbe morto. Lo ha riferito sul proprio account Twitter il sito d’informazione Libya Observer, spiegando che la notizia sarebbe stata confermata da “fonti diplomatiche”. Anche molti media libici, tra cui Libyan Express e Alnabaa Tv, stanno rilanciando in questi minuti la notizia della morte dell'”uomo forte della Cirenaica”. Tra i primi ad annunciare la notizia del decesso del generale è stato, su Twitter, il deputato egiziano Mostafa Bakry. Nei giorni scorsi fonti di stampa francesi e libiche hanno riferito che Haftar sarebbe stato ricoverato in un ospedale di Parigi dal 5 aprile. Secondo il quotidiano francese Le Monde, il 74enne generale sarebbe stato vittima di un ictus che avrebbe richiesto il suo rapido trasferimento da Amman, in Giordania, a Parigi. Sulle condizioni di salute del comandante delle forze di Tobruk si sono diffuse negli ultimi giorni notizie contrastanti. Alcuni siti libici hanno parlato di un peggioramento delle condizioni di salute, mentre fonti vicine al generale hanno smentito che Haftar fosse malato, sostenendo che si trattasse solamente di voci diffuse dagli “islamisti”. Haftar era molto vicino a Vladimir Putin, e contrastava apertamente il debole premier Fayez al Serraj, opreferito invece dal governo di sinistra italiano.