Salvini: «Il centrodestra è pronto a governare. No ai veti»

giovedì 12 aprile 18:59 - DI Redazione

Dobbiamo “formare un governo sulle cose da fare non sui veti e l’arroganza dei singoli. Il centrodestra è pronto a farsi carico della responsabilità” di dar vita a un governo “unitariamente con la partecipazione di tutte le forze del centrodestra: Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia”. Matteo Salvini, al termine delle consultazioni del centrodestra al Quirinale, chiarisce, insieme con Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni,  la posizione della coalizione dopo che ancora una volta i 5 Stelle hanno ribadito il no al leader di Forza Italia. “Ci attendiamo dalle altre forze politiche, a partire dal M5S, lo stesso senso di responsabilità verso il Paese”, ha aggiunto Salvini sottolineando come abbiano “trovato una condivisione invidiabile e invidiata dalle altre forze politiche che stanno animatamente discutendo al loro interno”. “Siamo andati dal capo dello Stato con Berlusconi e Meloni e i nostri capigruppo per esprimere in modo ancora più forte l’unità di intenti e di programma della coalizione che ha vinto le elezioni”, ha sottolineato il leader della Lega. “Abbiamo grande fiducia nella grande saggezza e nell’equilibrio istituzionale del presidente della Repubblica, al quale abbiamo proposta l’urgenza di una serie di provvedimenti che gli italiani aspettano e il centrodestra aveva posto con forza in campagna elettorale”.

La formalità quirinalizia delle comunicazioni ufficiali del centrodestra è stata interroga da Berlusconi, il quale, da consumato protagonista medianico,  è riuscito a conquistare la scena. E ciò con un paio di battute, prima e dopo l’incontro. “Mi raccomando fate i bravi – ha detto il leader di Forza Italia ai giornalisti – Sappiate distinguere fra i veri democratici e chi non conosce nemmeno l’abc della democrazia”. Una battuta durissima contro Di Maio. La zampata finale di Silvio.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • an.marconcini@gmail.it 12 aprile 2018

    Berlusconi preferirebbe il PD ai Cinque Stelle e questo l’ha fatto capire più volte a chiare note però con tutto il rispetto dovuto al più geniale degli imprenditori italiani e tra i più importanti al mondo credo che gli Italiani abbiano scelto in primo luogo la coalizione di Centro Destra che ha sfiorato la vittoria e in secondo il M5S che ha ottenuto 11 milioni di voti e quindi mi domando perché chi ha democraticamente perso non debba altrettanto democraticamente rappresentare l ‘opposizione come succede del resto in tutti i Paesi che si dichiarano democratici ?

  • gdetoffoli@yahoo.it 12 aprile 2018

    Anche in questa occasione Berlusconi gigioneggia degradando al suo personale livello il valore dell’intervento di Salvini. E’ un destabilizzatore per scelta che ci possiamo solo augurare che se ne vada con il suo nano personale e l’acclusa corte dei miracoli !