Salvini a Vinitaly: “Nessun incontro con Di Maio. Ma gli offro un bicchiere di Sforzato”

domenica 15 aprile 13:16 - di Elsa Corsini

“Io sono pronto a fare il governo, non dico no a nessuno, sono altri che non hanno ancora deciso che tipo di vino bere”. Così Matteo Salvini all’inaugurazione di Vinitaly a Verona che ribadisce di essere contrario a “governissimi” e “governoni”. Il leader della Lega non nomina mai  Silvio Berlusconi ma in tanti hanno interpretato queste parole come una risposta indiretta alla lettera del Cavaliere al Corriere nella quale auspicava  un “governo autorevole” sostenuto da “una maggioranza non qualsiasi”.  Più chiara invece la posizione salviniana nei confronti dei Cinquestelle. A chi gli chiedeva che vino offrirebbe a Luigi Di Maio, il leader leghista ha risposto: “Uno Sforzato perché è un vino di Valtellina e perché si deve sforzare a fare qualcosa di più”. Poi smentisce seccamente la voce di un incontro veronese con il candidato premier dei Cinquestelle.

Salvini: non c’è nessun incontro con Di Maio

“Non c’è nessun incontro con Di Maio,oggi  incontro gli imprenditori”,  spiega Salvini al suo arrivo al Vinitaly annunciando di restare alla fiera di Verona fino alla chiusura dei cancelli. Assediato da telecamere e giornalisti, ha avvertito tutti: “Oggi non c’è spazio per la politica…”. Sabato, invece,  il leader del Carroccio  era tornato sullo stallo di queste ore dopo il secondo giro di consultazioni al Quirinale  dicendo di essere stufo di veti incrociati e insulti: “C’è una vita reale che dice ‘fate in fretta’. Basta, io sono ai limiti della pazienza, o si va avanti e si lavora o tanto vale tornare dagli italiani con un voto chiaro”. Basta dire “Se ci sono io, non c’è lui'”, aveva detto Salvini mettendo sullo stesso livello Di Battista e Berlusconi:  “Faccio un appello, smettetela con gli insulti a vicenda, con le ripicche, i veti, i bisticci, le polemiche. Così non se ne esce. Se ciascuno fa un passo a lato, si costruisce, si lavora”.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giorgio Rapanelli 16 aprile 2018

    Spicciatevi a fare un governo. O a proporlo… A nuove elezioni il successo non si ripete. Così mi dice la gente…

  • Roberto 16 aprile 2018

    La coerenza di Salvini resta come sempre impeccabile. Gli altri hanno solo da imparare da lui !! Noi vogliamo più italia e meno globalizzazione ! #MATTEOSALVINIPREMIER

  • Alessandra Albertini 16 aprile 2018

    Salvini è l’unico che ha davvero a cuore l’Italia e gli italiani, l’unico concreto, con le idee chiare ed i piedi per terra.

  • Franco Cordiale 15 aprile 2018

    Il problema di 5 stelle-Di Maio-Grillo-Battista-Casaleggio é questo, in breve: hanno preso tanti voti, specie al sud. Ma sono voti di ANTI-POLITICA. Sono voti di “Piove, governo ladro!” come si diceva una volta. Questo anti-partito o pseudo-partito: chi rappresenta davvero e cosa esprime? Programma fatuo, ondivago…potrebbe andar bene a tutti. Unico dogma di fede grillina: abbasso il berlusca, il ricco-sfondato-che-corrompe-le-minorenni. E’ la loro unica verità assodata ! Meglio se questa gente si allea al PD: si aiuterebbero reciprocamente ad andare a picco. In questo modo, alle prossime elezioni anticipate, si tornerebbe al BIPOLARISMO. Da un lato una sputtanatissima intesa tra PD e 5 stelle, che perderebbe molti voti. Dall’altra un centro destra UNITO con reali possibilità di guidare il paese. NON tentate più accordi con Di Maio. E’ una via politicamente suicida. Meglio che sia il PD a “suicidarsi” insieme a loro…

  • Robbie 15 aprile 2018

    Salvini molla Berlusconi