Roma-Napoli, terrore sul treno: immigrati narcotizzano i passeggeri e li derubano

L’ultima operazione è scattata due giorni fa, ma ci sono voluti mesi e mesi di indagini per scoprire la gang di immigrati che addormentava e ripuliva i passeggeri dei treni regionali sulla tratta Roma-Napoli i quali, dopo aver accettato una bevanda da persone apparentemente amiche, cadevano nel sonno profondo e venivano depredati degli oggetti di valore che avevano indosso.

Pattuglie di agenti in borghese, per mesi, si sono mischiate ai normali passeggeri, cercando di cogliere in fallo questi specialisti, di origine africana, che avevano adottato questa tecnica, purtroppo molto diffusa in tutta Italia. I poliziotti, alla fine, sono riusciti a identificare un tunisino di 32 anni, che si aggirava su un treno regionale scrutando viaggiatori e bagagli. Da lì a poco, è entrato in azione, rubandogli i soldi, il cellulare e il passaporto.

L’uomo è stato inseguito ed arrestato a Sessa Aurunca. Identico caso su un altro regionale partito da Napoli, dove gli agenti adocchiavano tre egiziani. Identico il copione: individuata la vittima, passavano all’offerta di patatine e di una bevanda, quindi la derubavano.  I tre, 19, 26 e 36 anni, sono stati arrestati per tentata rapina pluriaggravata e lesioni personali aggravate ed associati presso il carcere di Latina. La vittima è stata trasportata presso l’ospedale di Fondi. I tre cittadini egiziani di