Rampelli: «Basta diktat europei, nella Costituzione ci sia la clausola di sovranità»

giovedì 5 aprile 13:42 - DI Redazione

L’Italia deve tornare a mettere al centro il proprio interesse nazionale, iniziando col liberarsi dei «diktat europei» o non riuscirà a rilanciare il Pil e risanare i propri debiti. A dirlo è stato il capogruppo di Fratelli d’Italia, Fabio Rampelli, rilanciando la proposta del partito di inserire in Costituzione la «clausola di sovranità».

«Il rigore economico imposto dall’Europa, di cui il Partito democratico è stato fedele esecutore in questi anni, è stato eccessivo e ha danneggiato l’economia italiana», ha ricordato Rampelli, nel corso della trasmissione Coffee Break su La7. «Se non possiamo far crescere il Pil, anche con investimenti pubblici, sarà impossibile – ha sottolineato l’esponente di Fratelli d’Italia – azzerare gli interessi passivi sul debito pubblico e, quindi, iniziare a intaccare il debito stesso».

«Non dobbiamo più essere esecutori materiali dei diktat europei, ma – ha avvertito ancora Rampelli – filtrarli attraverso la lente dell’interesse nazionale. Fratelli d’Italia al riguardo ha sempre proposto l’inserimento in Costituzione di una ”clausola di sovranità”, alla pari della Germania». «Prima di recepire ciò che ci impone Bruxelles, bisogna valutare il suo impatto sul nostro sistema. Le leggi europee – ha concluso il capogruppo di Fratelli d’Italia – devono essere passate al vaglio della compatibilità con i nostri interessi nazionali».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • salvo.brindisi@libero.it 6 aprile 2018

    forse ci vorrebbe un referendum?

  • bruno1313@virgilio.it 6 aprile 2018

    sono d’accordo con Rampelli in tutto.Ci sono migliaia di leggi,leggine,regolamenti,raccomandazioni che stanno distruggendo il nostro paese.Sempre ligi al dovere in prima fila a rispettarle mentre altri paesi specialmente dell’Europa dell’est se ne fregano alla grande.Guardate specialmente le norme sugli alimenti,che stanno distruggendo le nostre piccolissime imprese che si tutelano solo con IGP ecc.troppo stringenti troppo severe e troppe piene di burocrazia.Oggi uno che ha un bar ristorante o altra attività alimentare deve avere un ragioniere dietro solo per riempire fogli e foglini tutti i giorni.non mi dilungo sennò scriverei una nuova enciclopedia.

  • fornaromario@libero.it 6 aprile 2018

    L’Ue non lascia margini per trattare. E’ nata per opprimere gli Stati con la moneta Euro e sostituirsi ai Parlamenti nazionali al comando delle nazioni. L’unica soluzione è uscire dall’Ue e comandare a casa nostra monetariamente e politicamente.